Allarme Coronavirus: a Terni mascherine andate a ruba, terminate anche nei magazzini

Le notizie relative alla diffusione del virus ha fatto prendere d’assalto le farmacie della città: terminate tutte in pochi giorni

Passeggeri a Fiumicino - Foto: Ansa

Intorno al Coronavirus si è scatenata una vera e proprio allarme. E se Terni è stata appena “sfiorata” dalla questione in merito alla presenza di una coppia ternana sulla nave da crociera Costa Smeralda, per la quale comunque l’allarme era rientrato in breve tempo, la preoccupazione continua ad essere significativa, soprattutto se si considera che le farmacie sono state letteralmente prese d’assalto per accaparrarsi le mascherine protettive. Mascherine che, come è stato più volte evidenziato, non servono a molto – soprattutto quelle senza filtro – ma che sembrano essere in grado di generare una certa sicurezza tra i cittadini.

Assalto in farmacia

Difficile stabilire il numero di presidi venduti a causa delle numerose farmacie presenti sul territorio, ma l’andamento pare chiaro: “Prima ne vendevamo qualcuna ma solo a persone che magari avevano in casa anziani o bambini piccoli che avevano necessità di essere protetti – dicono dalla Farmacia Comunale 4 di Gabelletta – ma poi, appena si è diffusa la notizia del Coronavirus la vendita sarà aumentata del 90% e abbiamo avuto la fila di persone che voleva acquistare le mascherine”.

Sembrerebbe che ad essere prese d’assalto siano state un po’ tutte le farmacie: se a San Giovanni la richiesta c’è stata ma non così eclatante, altrove gli acquisti sono stati decisamente più consistenti: “Le richieste sono state tantissime e continue – afferma la farmacista della Comunale di corso Tacito -. Le mascherine con il filtro non le avevamo, ma delle altre, quelle con la velina, che comunque lasciano il tempo che trovano, ne abbiamo vendute 200 in meno di due giorni. Ora sta iniziando l’acquisto significativo dell’igienizzante per le mani, e anche di quello iniziamo a finire le scorte”.

Perché, con questo assalto che ovviamente non riguarda la sola città di Terni, ovviamente non sono solo le farmacie ad essere rimaste a secco, ma anche i magazzini: “Abbiamo notato molta preoccupazione – continua una delle farmaciste di Cospea -, la richiesta si è alzata e in pochissimi giorni le mascherine sono finite. Al momento, sono terminate anche le scorte nei magazzini e non sappiamo se e quando ci verranno riconsegnate”.

Proprio nella giornata di oggi, comunque, sembrerebbe che qualche farmacia sia stata rifornita, come nel caso di Rotondi: “Ci sono state riconsegnate oggi – dicono – dopo giorni di irreperibilità. Non crediamo che potranno durare molto, vista la richiesta, e lo stesso vale per l’amuchina alcolica che sembra ugualmente difficile da reperire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento