menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il grido d’allarme di Collescipoli: “Con l’emergenza Coronavirus siamo stati abbandonati”

Gentiletti (Senso civico) chiama in causa il sindaco di Terni: vie sporche, fogne sovraccariche e mura piene di piante, è necessario intervenire subito

La quarantena mette in crisi il borgo di Collescipoli. Il grido di allarme lanciato da un gruppo di residenti viene raccolto da Alessandro Gentiletti, capogruppo in consiglio comunale di Senso civico, che con una interrogazione chiama in causa il sindaco di Terni: occorre intervenire subito.

“Da quando è iniziata la pandemia e le misure restrittive – scrive Gentiletti nell’atto – alcuni cittadini di Collescipoli segnalano che nel loro territorio stanno sorgendo dei problemi e conseguentemente delle esigenze specifiche”.

Tra le questioni più urgenti, il fatto che “le vie del paese appaiono trascurate e sempre più sporche” e che “anche il sistema fognario apparirebbe sovraccarico e talvolta cattivi odori e miasmi proverrebbero dallo stesso”.

“Molti piccioni – aggiunge il consigliere comunale - girerebbero indisturbati per il paese producendo immondizia. Le mura sarebbero piene di piante che non sono state tagliate da molto e che starebbero provocando disagi”.

I cittadini riferiscono inoltre “che si verificano spesso episodi di sosta selvaggia che impediscono una serena gestione della viabilità, soprattutto nelle vie laterali alla strada principale, e che rischiano di impedire anche l'eventuale transito dei mezzi di soccorso”.

“Le aree limitrofe alla strada di Collescipoli (zone poste sul bordo della carreggiata vicine al nuovo e al vecchio impianto sportivo) necessitano di essere controllare e presidiate, onde evitare il rischio che si possano trasformare in discariche abusive. I volontari che solitamente svolgevano lavori di pulizia, infatti, non possono uscire per ovvi motivi e quindi anche la piccola manutenzione che veniva fatta dai paesani a loro spese e con
il loro tempo, è ferma”.

Per questo Gentiletti chiede a sindaco, giunta e assessore competente “di sapere quali interventi ha posto fin qui in essere l'amministrazione e quali interventi urgenti intende porre in essere, per risolvere le problematiche sopra descritte e attuare i poteri di controllo e vigilanza che le sono propri”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento