Prima la quarantena e poi le analisi: ecco il destino delle anatre della Passeggiata

I tredici esemplari sono stati trasferiti dal parco di Terni alla Comunità incontro di Molino Silla ad Amelia. Ed è già polemica, Rossi: decisione assurda

Per qualche ora la città dell’acciaio si è trovata immersa nel “giallo” dell’estate. Poi la scoperta: le paperelle della Passeggiata hanno trovato la loro nuova casa alla Comunità incontro di Molino Silla ad Amelia.

LEGGI – Sparite le anatre dalla Passeggiata di Terni

All’inizio sembrava che i 13 esemplari dovessero trovare ospitalità all’oasi naturalistica del lago di Alviano. In realtà, la prassi vuole che le specie autoctone, prima di un trasferimento, debbano essere sottoposte ad una serie di analisi per verificare l’eventuale presenza di virus e quindi scongiurare la possibile contaminazione di altre specie.

Così, è stato scelto Molino Silla. Dove le anatre affronteranno un periodo di quarantena per poi essere sottoposte alle analisi del caso e poi essere trasferite con gli altri esemplari presenti nella struttura.

Il destino delle anatre era stato affrontato già la scorsa estate, quando si avanzò la proposta di un eventuale trasferimento proprio per sottrarre gli animali ai continui atti di vandalismo. L’ostacolo che spostò la decisione era proprio legato alla questione analisi. Ostacolo che dopo un anno sembra essere stato superato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la decisione del Comune di Terni trova già i primi oppositori. “È assurdo – dice Michele Rossi, capogruppo in consiglio comunale di Terni civica - Invece di assicurare il parco dagli atti vandalici magari installando un sistema di videosorveglianza, incrementando i controlli, per colpire pesantemente gli autori di simili atrocità contro gli animali o magari provvedendo semplicemente a ripristinare la chiusura notturna (cosi come vado chiedendo da mesi) si decide per la scorciatoia, di rinunciare drasticamente alla storica presenza degli animali nel parco. Che tristezza: è la morte del parco, è la resa di fronte ai problemi, l’incapacità di dare sicurezza e nel concreto la vittoria dei vandali. Lunedi presenterò una interrogazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento