Anziano ternano malato sfrattato vive in auto: “Provveduto al ricovero in luogo di emergenza”

L’assessore Enrico Melasecche: “Non è accettabile che un fatto del genere possa accadere in una regione civile come l’Umbria”

foto di repertorio

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’assessore regionale alle politiche della casa Enrico Melasecche

“Anziano ottantenne sfrattato, vive in auto. Caso di per sè inaccettabili - afferma l'assessore - Tuttavia è opportuno, nel porre rimedio, comprendere sempre le ragioni del provvedimento e renderle note. Appresa la notizia ho chiesto un intervento immediato oltre ad una relazione sull’accaduto per rivedere, se necessario la normativa di settore.

Leggo dalla stampa che a Terni un ottantenne malato è stato costretto a vivere in auto a causa dello sfratto ricevuto dall’Ater e dal Comune. Trasecolo.  Nell’attesa dell’immediato rinnovo degli organi dell’Agenzia che sta per avvenire ad horas, in attesa del reintegro della dirigenza regionale di quel servizio in modo da poter attivare un piano di forte rilancio del ruolo dell’Ater cui sto lavorando, non è però accettabile che un fatto del genere possa accadere in una regione civile e che un titolo del genere sparato in prima pagina, senza alcuna plausibile spiegazione nel testo da parte dei funzionari del Comune e dell’Ater, non interpellati, possa colpire la pubblica opinione in modo così forte, toccando le corde della sensibilità di noi tutti.

Una premessa quindi, qualsiasi ragione possa essere alla base dello sfratto è opportuno porre in essere tutti gli accorgimenti e gli strumenti per evitare che anche una procedura regolarissima possa apparire non improntata al buon senso ed alla umanità oppure diventare occasione di disinformazione o parziale informazione.

È per questo - prosegue Melasecche - che ho concordato con il Sindaco di provvedere innanzitutto ad un ricovero in luogo di emergenza per poi accertare con la massima urgenza le ragioni dell’accaduto onde consentire che chi ha merito per avere una casa popolare possa averla appena possibile, mentre chi agisce in danno degli interessi pubblici per passare sopra le regole che tutti debbono rispettare abbia una risposta chiara e trasparente ma sempre improntata alla massima umanità. Esistono regole non scritte che in una regione come la nostra tutti intendiamo tenere ben presenti ma anche valori quali la correttezza ed il rispetto dovuto a tutti coloro che attendono in graduatoria.

Troppi episodi in passato sono accaduti che hanno danneggiato gli aventi diritto ad un alloggio popolare per cui credo sia opportuno porvi rimedio anche se, sempre, con la dovuta prudenza.

Mentre mi auguro - chiosa l'assessore - che il caso umano venga risolto immediatamente porterò a conoscenza della pubblica opinione, nella massima trasparenza e comunque nel rispetto della privacy, quella parte della relazione che possa evitare inutili strumentalizzazioni politiche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento