rotate-mobile
Attualità

Terni, trentatré nuovi appartamenti per San Lucio: “Quartiere isolato. Necessario intervenire sulla viabilità”. Il ‘nodo’ Cospea

Il dibattito nel corso della prima commissione consiliare. La presentazione del progetto a cura dell’ingegnere Bongarzone

Una riqualificazione annunciata per il quartiere di San Lucio. Nel corso della prima commissione consiliare l’ingegnere Bongarzone ha spiegato i dettagli dei lavori che consentiranno di mettere a disposizione trentatré nuovi appartamenti, ognuno con un box auto, di varie metrature proprio per cercare di soddisfare l’esigenza di tutti i richiedenti. Tale intervento di edilizia residenziale si somma a quello già illustrato, diverse settimane fa, a completamento della ristrutturazione delle palazzine di via San Lucio, numero 3 e 4. In questo caso gli appartamenti che torneranno fruibili saranno pari a sedici.

Durante il dibattito, sono intervenuti diversi commissari per chiedere delucidazioni su varie tematiche. La consigliera di Alternativa Popolare Roberta Trippini ha ricordato che il quartiere di San Lucio è isolato. Pertanto: “Occorre intervenire a riguardo, anche al cospetto del grande investimento che verrà portato a termine per la riqualificazione”. L’ingegnere ha affermato che sono previsti dei lavori per l’allargamento del ponticello di ingresso e la manutenzione dell’altro, poco più avanti.

A prendere la parola il consigliere Marco Celestino Cecconi che ha preannunciato la presentazione di un atto di indirizzo, sul tema della viabilità: “E’ necessario migliorarla a garanzia della circolarità e verificare tutte le possibili soluzioni per intervenire, come era previsto da progetto iniziale”. Il nodo è infatti legato al collegamento con Cospea 2. Al momento infatti i due quartieri sono legati da una via, piuttosto stretta, a senso unico proprio perché di dimensioni ridotte. Il tema della viabilità, inoltre, è piuttosto sentito poiché – come è noto – i residenti attendono la realizzazione del sottopasso.  

A tal proposito, nell’ultima determina pubblicata sull’albo pretorio che riguarda l’affidamento dell’incarico per il progetto di fattibilità tecnico-economica viene specificato: “E’ intenzione dell’amministrazione procedere con la massima urgenza dato che gli abitanti del popoloso quartiere sviluppatosi lungo via Perillo ed anche i mezzi di soccorso in transito sono sottoposti a rischio e subiscono frequenti rallentamenti proprio a causa del passaggio a livello oggi esistente che si intende eliminare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, trentatré nuovi appartamenti per San Lucio: “Quartiere isolato. Necessario intervenire sulla viabilità”. Il ‘nodo’ Cospea

TerniToday è in caricamento