Attualità

Marmore e Piediluco, aree verdi "chiuse e abbandonate": “Quali programmi per le frazioni?”

Il segretario del Pd di Marmore Piccinini evidenzia la situazione di parchi e aree pubbliche non inserite nel piano di manutenzione del Comune

La riapertura di parchi e giardini prevista dal Comune non ha soddisfatto tutti. A puntare il dito contro il piano di riapertura e di manutenzione è il segretario del Circolo Pd di Marmore Sandro Piccinini: “Siamo venuti a conoscenza, leggendo l’allegato del Comune di Terni rispetto alle aperture dei parchi e dei giardini, che intere zone ricomprese tra Piediluco, Marmore e la Valnerina resteranno chiuse”, dice. “Tra l’altro non si comprende cosa è previsto per il parco dei Campacci, visto che non è menzionato” così come non sarebbe menzionato il “percorso pedonale che dall’area del campo sportivo di Marmore lungo il canale Drizzagno arriva fino al porto di Piediluco”.

Se gli interventi di manutenzione del verde stanno riguardando alcune aree, come l’ingresso all’abitato di Marmore, mentre è in programma l’intervento al sentiero 5, così come si sta procedendo al taglio dell’erba all’interno dell’area della Cascata, il problema delle più ampie zone periferiche rimane: “Il tema è sempre il solito – continua Piccinini -: sono le frazioni, quelle dove tra l’altro gli spazi molto ampi consentono il distanziamento senza problemi, vengono abbandonate e poco considerate da questo Comune. Non c'è l’attenzione necessaria. Se a questo poi aggiungiamo la mancanza totale di manutenzione sulle aree verdi, quando da venti giorni si poteva intervenire... Il quadro bello a vedersi ha una bruttissima cornice che lo rende inguardabile...Una possibile ripartenza dignitosa dipende molto anche da questo territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmore e Piediluco, aree verdi "chiuse e abbandonate": “Quali programmi per le frazioni?”

TerniToday è in caricamento