Attualità

Fatiche, amori, tradimenti e sogni: arriva in libreria L’imperatrice

Autrice del libro è Liliana Nechita: nata in Romania, vive a Terni da quindici anni. Per vivere si occupa di assistenza agli anziani, ma non ha mai abbandonato la sua passione per la scrittura

Liliana Nechita

Così è al paese: le donne tirano su case impastando calce e pittando muri, i mariti appaiono loro in sogno dopo esser morti al mattino, tornando in bicicletta da casa dell’amante. Le famiglie si allargano e non sempre si amano, i fulmini possono prendersi i figli e i figli possono prendere treni per crescere altrove. Il comunismo è una promessa che si è esaurita presto.

A Bucarest le fabbriche producono bulloni al ritmo del progresso, ma subito fuori, nelle campagne, la vita ha il tempo delle stagioni, dei raccolti, delle leggende. Al paese si muore e si vive sotto il peso di un malocchio o d’una benedizione, o si sta legati a un albero come per pazzia.

Lo sa bene Olga, che vive là da sempre, matriarca di una strampalata stirpe di cinque figli, due mariti, un amore giovane e biondo dietro al quale ancora si strugge. Olga, che se avesse studiato di più sarebbe diventata imperatrice. E Elena, sua nuora, che dalla città vede, ricorda e racconta tutto questo: vite minime di piccoli eroi in disuso ed eroine qualunque sperse in un campo sotto il sole, esistenze in orbita attorno alla loro buona o cattiva stella.

imperatrice_copertina-724x1024-2Arriva oggi in libreria, per FVE editori, L’imperatrice, l’ultimo romanzo scritto da Liliana Nechita. Nata nel 1968 in Romania, vive a Terni da più di 15 anni dove assiste persone anziane. Esordisce nel 2013 con un libro sul drammatico fenomeno migratorio delle donne e delle madri romene, Cire?e amare, che ottiene grande attenzione da parte del pubblico e della critica, pubblicato in Italia nel 2017 dall’editore Laterza con il titolo Ciliegie amare.  Nel 2013 in Romania le viene conferito il Premio Donna dell’anno per la promozione e la difesa dei diritti delle donne. I suoi libri sono tutti caratterizzati da forti tematiche sociali e impegno civile: Bambole di fango (2019) e Piccola mamma (2020), suo primo lavoro scritto in lingua italiana. Împ?r?teasa è stato pubblicato nel 2017 in Romania e ora approda in Italia con il titolo L’imperatrice.

“Sono nata in pieno comunismo, ho sempre avuto due vite: una nella quale dovevo sopravvivere, crescere le mie figlie (divorziata da giovane, le ho cresciute da sola) e per questa ho lavorato come operaia e tecnico di produzione in una fabbrica di abbigliamento; la seconda vita si svolgeva di sera quando, tornata dal lavoro, leggevo, scrivevo, facevo delle traduzioni. Qualsiasi cosa mi sia successa durante gli anni, i libri non mi hanno mai abbandonato. Infatti, anche adesso lavoro per persone anziane, ma scrivo e distribuisco libri in lingua rumena in Italia. Due vite, come dicevo: sono proprio fortunata, sono grata anche per tutte le difficoltà che ho superato, tutti i miei libri hanno una tema sociale. Il mondo non è giusto per niente, ma forse può migliorare attraverso le parole”.

L’imperatrice è un omaggio alla civiltà contadina. Olga incarna l’attaccamento primitivo alla terra, ma l’amore per la terra e la campagna viene spezzato da quel desolante fenomeno dell’emigrazione che ne provoca uno spopolamento senza pari.

Con una lingua incantata, comica e potente, capace di reinventare il mondo, Liliana Nechita allestisce dunque una irresistibile saga familiare in cui le parole hanno “effetti immediati e durevoli”, e ci ricorda perché ciò che abbiamo davvero amato non fugge mai troppo lontano da noi.

Buona lettura!

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatiche, amori, tradimenti e sogni: arriva in libreria L’imperatrice

TerniToday è in caricamento