Asl 2, nessun taglio ai fondi per la non autosufficienza destinati a Terni: "650mila euro concordati con il comune"

Arriva la smentita dall'Asl 2 alle polemiche delle minoranze sul presunto taglio ai fondi regionali per la non autosufficienza destinati a Terni: "C'è l'accordo fra comune e Asl2".

La quota dei 650mila euro della programmazione per la non auotsufficienza (prina) da destinare al comune di Terni, erano ampiamente concordati con palazzo Spada per il periodo agosto-dicembre 2020. 

Questa, in estrema sintesi, la posizione dell'Asl 2 circa il presunto taglio ai fondi per la non autosufficienza denunciato nei giorni scorsi dalle minoranza 5 Stelle e Pd. Nella nota a firma della dirigente direzione welfare del comune di Terni, Cristina Clementi e del direttore del sitretto Asl di Terni, Stefano Federici, si parla di un chiaro accordo fra i due enti: "La quota economica di 650.000 Euro rappresenta l’impegno economico neceLa quota economica di 650.000 Euro rappresenta l’impegno economico necessario nel periodo agosto - dicembre 2020, di cui l’azienda ne programmava l’erogazione, in pieno accordo con l’Ente Territoriale e nella massima trasparenza".

Una decisione, quindi, presa di concerto: "Alla luce dell’incontro tra i vertici della Usl Umbria 2 e la Direzione Welfare del Comune di Terni si ritiene opportuno precisare che la nota inviata dall’Azienda Usl Umbria 2 al Comune di Terni in data 30/07/2020, non intende in alcun modo prefigurare una riduzione dell’erogazione dei servizi socio sanitari rivolti alle aree anziani, disabili adulti e minori. La stessa - prosegue la nota della Asl 2 - è bensì l’esito di un procedimento di concertazione e programmazione avviato tra Azienda Usl Umbria 2 e Comune di Terni in qualità di Comune capofila, al fine di monitorare i servizi erogati nell’ordinarietà e a decorrere dall’avvio dello stato emergenziale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un accordo che permette alle istituzioni di programmare le attività almneo fino al 31 dicembre prossimo "tenendo conto delle specifiche necessità emerse ed alle quali entrambi gli enti stanno collaborando per la loro risoluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento