rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

Terni, l’assessore Mascia Aniello incontra il Comitato di Prisciano: “Forte preoccupazione per salute ed ambiente”

L’assessore all’ambiente: “Il Comitato ha rappresentato con forza questioni ambientali per le quali la politica, da svariati decenni, ha fatto finta di non vedere”

Un confronto tra l’assessore all’ambiente Mascia Aniello ed esponenti del Comitato di Prisciano-Terni Est si è svolto ieri, martedì 7 maggio, presso gli uffici di palazzo Spada. Al termine dell’incontro i rappresentanti hanno: “Espresso tutti i nostri dubbi e le nostre perplessità in merito alla possibile risoluzione del problema delle polveri, che non accennano a diminuire, dei metalli pesanti presenti nell'aria e dei maliodori avvertiti in zona. Per quest'ultimi siamo ancora in attesa di ricevere una risposta da parte dell'ASL Umbria 2 alla nostra e-mail del 26 aprile. Abbiamo informato l'Amministrazione Comunale anche del problema delle vibrazioni, causato dagli impianti presenti nel magazzino Metal Recovery, che sta letteralmente ammorbando intere famiglie da due anni e mezzo a questa parte”.

A margine del confronto l’assessore Mascia Aniello ha dichiarato: “Il Comitato ha rappresentato con forza questioni ambientali per le quali la politica, da svariati decenni, ha fatto finta di non vedere, fino a dover prendere tutti noi dolorosamente atto del disastro ecologico che conosciamo, con la contaminazione siderurgica di aria, suoli, acque di falda, di fiume, nonché con l'interdizione dell'allevamento e della coltivazione all'aperto nella stessa Prisciano e a Cervara Bassa”.

Secondo l’assessore: “Un ammorbamento da metalli pesanti che prosegue regolarmente ogni giorno: la sua componente più visibile si evidenzia tramite le polveri tossiche che ciclicamente investono Prisciano e buona parte dell'area urbana orientale di Terni, senza che peraltro nessuno abbia minimamente installato le telecamere di controllo, dispositivi richiesti ben otto mesi fa dal Sindaco Bandecchi in una nota formale alla Regione per monitorare formalmente tali fenomeni”.

Le questioni aperte: “Gli esponenti del Comitato hanno ripetutamente espresso forti preoccupazioni per ambiente e salute, inquietudini condivise dall'assessorato, tanto che Palazzo Spada per le vie brevi ha già chiesto – invano - alla Regione e agli organismi deputati di procedere al necessario e immediato aggiornamento dell'Autorizzazione Integrata Ambientale, nonché della VIA sulla discarica di Pentima-Valle, ferma misteriosamente al 2006, prima che fosse scoperto il cromo esavalente e il resto nelle falde acquifere sottostanti”.

La valutazione a margine: “Pur essendo dinanzi a circostanze che imporrebbero de jure severe misure di protezione ambientale e sanitaria per residenti e lavoratori AST, al di là di progetti e sperimentazioni sul campo che si susseguono spesso senza esito da almeno 30 anni, nessun organismo pubblico sta dunque intervenendo efficacemente, tanto che la città assiste quotidianamente alle stesse gravi criticità ambientali di sempre. Si sbaglierebbe di grosso chi però crede che il Comune di Terni rimanga con le mani in mano: le segnalazioni alle Autorità competenti proseguono e i comportamenti contra legem, a ogni livello, saranno opportunamente sanzionati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, l’assessore Mascia Aniello incontra il Comitato di Prisciano: “Forte preoccupazione per salute ed ambiente”

TerniToday è in caricamento