menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ast, i sindacati all'attacco: "Inaccetabile silenzio sulla vendita del sito. Il governo intervenga"

Ripartono all'attacco le sigle sindacali Fim Fiom Uilm nazionali riaccendono i riflettori sul passaggio di proprietà del sito ternano: "I lavoratori e la città di Terni hanno bisogno di avere certezze"

“L’assenza di informazioni sullo stato di avanzamento della procedura di cessione di Acciai Speciali Terni non è comprensibile e crea un clima di incertezza inaccettabile, anche in ragione del fallimento della trattativa tra Thyssenkrupp e Liberty Steel che aveva presentato un’offerta aggiornata e non vincolante per l’acquisizione di Thyssenkrupp Steel Europe". Duro l'affondo dei responsabili di settore di Fim Fiom Uilm Nazionali, Valerio D’Alò, Gianni Venturi, Guglielmo Gambardella, e a seguito di un incontro con le rispettive strutture metalmeccaniche territoriali di Terni tenutosi oggi in videoconferenza. Per i sindacati è necessario riportare in fretta l'attenzione sul destino del sito ternano, proprio alla vigilia della riunione che si terrà domani 12 marzo del Consiglio di sorveglianza e del consiglio di amministrazione di Thyssenkrupp, che dovranno discutere della strategia futura del Gruppo.

"I lavoratori e la città di Terni - proseguono i sindacati - hanno bisogno di avere certezze: la vendita sia finalizzata alla valorizzazione della più importante realtà industriale siderurgica del territorio, strategica per l’insieme del comparto manifatturiero italiano

Nell’ultimo incontro al ministero dello Sviluppo Economico del 22 dicembre scorso, avevamo avuto rassicurazioni, da parte dei rappresentanti del dicastero, che il governo avrebbe seguito con la massima attenzione la procedura di cessione del sito di produzione di acciaio inox ma, ad oggi, non abbiamo avuto più notizie. In occasione del suddetto incontro le organizzazioni sindacali avevano chiesto al Mise di intervenire su Thyssenkrupp per avere certezze sulla valutazione delle offerte che avrebbero assicurato, attraverso un credibile e solido piano industriale, la crescita dei volumi produttivi e dei livelli occupazionali.

Ci attendiamo - concludono -, nel più breve tempo possibile, un riscontro alla nostra richiesta di incontro inoltrata al ministro Giancarlo Giorgetti lo scorso 4 marzo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento