rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità

Ast, novembre senza cassa: scatta lo sciopero ma è scontro tra sindacati

L'Ad Burelli annuncia che non ci sarà la cassa integrazione e i sindacati proclamano 4 ore di sciopero ma la Fismic resta fuori dal coro. Lunga fermata annunciata a fine anno

Niente cassa integrazione a novembre all'Ast, parola dell'amministratore delegato Ast Massimiliano Burelli e i sindacati proclamano prima due poi quattro ore di sciopero. Tra l'altro, sull’andamento dei volumi la situaione non è pessima. Volumi  anzi che nel mese che si appresta ad iniziare saranno in linea con le previsioni, cioè circa 80 mila tonnellate di acciaio fuso prodotto, grazie anche agli ‘anticipi’ della produzione del mese successivo. Però non basta e per dicembre si prevede una sosta parecchio lunga. A preoccupare i sindacalisti è anche il continuo arrivo nello stabilimento di bramme in conto lavorazione. Da qui lo sciopero proclamato da Rsu, Fiom, Fim e Ulm prima di due ore poi allungato a quattro.

Ma lo sciopero indetto dalle rsu di Fim, Fiom e Uilm ha avuto l’effetto di provocare una spaccatura nel fronte sindacale, vista la dura la reazione del coordinatore della Fismic, Marco Bruni, che definisce «estremamente grave la scelta delle tre sigle di legare una mobilitazione nata a livello nazionale, tra l’altro di dubbia utilità, con problematiche interne alla fabbrica che tutti i sindacati hanno sempre condiviso e che ancora attendono di essere risolte».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ast, novembre senza cassa: scatta lo sciopero ma è scontro tra sindacati

TerniToday è in caricamento