Ast, trovata l’intesa per il piano industriale. Lungo incontro al Mise tra manager di Ast e sindacato

Gli occupati, nel biennio 2019-2020 saranno 2350, a fronte di 2367 occupati ad oggi, 50 in più rispetto alla precedente proposta

Mise incontro

Trovato l’accordo per il piano industriale dell’Ast. Lunga trattativa al Mise con la presenza di Giorgio Sorial, vice capo di gabinetto del Ministero, Massimiliano Burelli. Luca Villa e Tullio Camiglieri di Ast, del sindaco di Terni Leonardo Latini, dei segretari nazionale territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl, Usb e i delegati della Rsu, di Luciano Neri e Augusto Magliocchetti di Federmeccanica, ed ei rappresentanti della regione Umbria. Gli occupati, nel biennio 2019-2020 saranno 2350, a fronte di 2367 occupati ad oggi, 50 in più rispetto alla precedente proposta. L’azienda avvierà la procedura di licenziamento per una quarantina di lavoratori, ma si è impegnata ad assumere una ventina di somministrati. Per l’esercizio 2018-2019 l’acciaio fuso si attesterà su 940 mila tonnellate, nel 2019-2020 dovrebbe superare, di poco, 1 milione. C’è la disponibilità di concedere 500 euro pro capite, come una tantum, mentre per il prossimo anno fiscale, 1000-1200 euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Samanta Togni presenta il nuovo fidanzato: "Ci siamo conosciuti per caso sul treno"

  • Scomparso da quasi un anno, ritrovato su un treno a Pisa. I poliziotti: era smarrito e confuso

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, moto contro furgone: schianto terribile, ternano trasferito d’urgenza all’ospedale di Firenze

  • Nuova gestione per un locale storico della movida ternana

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

Torna su
TerniToday è in caricamento