rotate-mobile
Attualità

Autrice ternana al Salone del libro: “Esperienza indimenticabile. Per tanti anni ho presenziato da lettrice affamata”

Il romanzo contemporaneo ‘La vita che mi ha scelto’ di Alessandra D’Egidio al Salone del libro di Torino. La presentazione presso lo stand della Regione Umbria

Una nuova esperienza da conservare a lungo, per Alessandra D’Egidio. L’autrice ternana infatti ha presentato La vita che mi ha scelto, al Salone del libro del Torino. Location designata lo stand della Regione Umbria dove è stato possibile far conoscere, ai presenti, i dettagli del romanzo contemporaneo pubblicato nei mesi scorsi. “Mai avrei pensato di tornare nelle vesti di autrice, ed invece è accaduto” ha dichiarato al termine dell’evento.

Le emozioni provate: “Un'esperienza indimenticabile per chi, come me, è venuta qui per tanti anni da lettrice affamata. Pare sia venuto il mio momento e ringrazio chi ha creduto in me. Ora si lavora per il secondo romanzo è chissà che strada sceglierà, io gli auguro solo il meglio”. La genesi de La vita che mi ha scelto: “Il testo l’ho iniziato a curare nel 2020, in pieno lockdown. Mi sono svegliata una mattina con un’idea in testa. Tutto ciò ha sorpreso anche me. Così, una volta focalizzato al meglio la strada da percorrere, ho iniziato a scrivere al pc”.

Una storia molto lontana, da un punto di vista prettamente geografico: “Il luogo è quello di Xiamen, parte meridionale della Cina. Per la circostanza ho chiesto aiuto a Ilary Langeli che insegna la lingua italiana ai bimbi cinesi. Dopo aver chiarito diversi aspetti a me sconosciuti, sono entrata nei loro usi ed abitudini. Nello specifico la protagonista è Mei, parte integrante di una famiglia composta da papà, mamma e tre figlie. Dopo la morte del padre, le due sorelle decidono di emigrare. La mamma prende Mei e la porta in Italia, più precisamente a Viterbo, dove vengono accolte da una famiglia già integrata da vent’anni”.

Lo scorso 8 aprile l’autrice Alessandra D’Egidio aveva partecipato ad un convegno sull’identità di genere, ricordando di aver ideato il libro: “Nel momento in cui si parlava del Ddl Zan e la possibilità di essere approvato”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autrice ternana al Salone del libro: “Esperienza indimenticabile. Per tanti anni ho presenziato da lettrice affamata”

TerniToday è in caricamento