rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Avis, assemblea regionale a Terni: “Territorio che fatica nella raccolta del sangue. Un segnale essere qui”

“La presenza è anche legata al fatto che la città quest’anno festeggia 70 anni dalla fondazione dell’Avis comunale e di quella provinciale” ha ricordato il presidente Marconi

L’assemblea annuale dei soci Avis Umbria si è svolta a Terni. Tale scelta non è stata casuale poiché la parte meridionale della regione è quella che soffre di più, rispetto alla capacità di raccolta sangue. Location designata la scuola Casagrande Cesi e più nello specifico l’auditorium dell’istituto. L’iniziativa ha riscosso un’ottima partecipazione tra presidenti provinciali, comunali, delegati e consiglieri regionali umbri. Presenti, tra gli altri, Enrico Marconi e Fabrizio Rasimelli rispettivamente presidente e vicepresidente di Avis Umbria, Massimo Bistocchi, presidente dell’Organo di controllo di Avis Umbria. Inoltre il consigliere nazionale umbro Giovanni Magara, il consigliere nazionale di Avis Vincenzo Iovine, e il direttore della Struttura di Immunoematologia e trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Terni Augusto Scaccetti.

Il presidente Enrico Marconi, nel corso del suo intervento, ha dichiarato: “Questo è un territorio che fatica nella raccolta del sangue e Terni sconta anche un po’ le problematiche socioeconomiche del territorio. La presenza è anche legata al fatto che la città quest’anno festeggia 70 anni dalla fondazione dell’Avis comunale e di quella provinciale”.  “È un segnale essere a Terni – ha aggiunto il vicepresidente Rasimelli – ed è un segnale essere in una scuola perché abbiamo voluto testimoniare la nostra vicinanza a un mondo, quello dei giovani, che per noi è vitale”.

“Dopo l’anno del Covid – ha spiegato il dottor Scaccetti – in cui c’è stata una notevole riduzione, quest’anno le donazioni sono riprese in maniera abbastanza fluida. A livello regionale siamo più o meno autosufficienti, la provincia di Terni, invece, storicamente, è la zona in cui c’è più carenza di sangue e dobbiamo sempre fare riferimento ad altri Sit dell’Umbria, in particolare a quello di Foligno. Negli ultimi tre o quattro anni alcune volte abbiamo dovuto fare riferimento a strutture trasfusionali del Nord Italia”. Per cercare di ovviare a tale criticità Avis Umbria ha fatto quadrato intorno alla città. “L’assemblea regionale – ha dichiarato Marconi – è sempre un importante momento di confronto, dialogo, di elaborazione dei dati, verifica del lavoro fatto e programmazione per il futuro. Abbiamo registrato un 2021 positivo, nonostante problematiche connesse alla pandemia, abbiamo recuperato livelli donazionali rispetto all’anno precedente ma anche al 2019. Le donazioni sono aumentate di circa l’8 per cento e questo è stato molto positivo per dare risposta all’aumentata necessità di sangue nella regione a fronte anche del recupero degli interventi operatori, mandati in standby nel 2020”.

Un anno importante per la comunità, non solo per i numeri che fanno registrare un trend nel complesso positivo ma anche perché si celebrerà a Perugia, tappa a Norcia, l’assemblea nazionale di Avis dal 20 al 22 maggio. “L’Umbria avrà l’onore di ospitare questo evento – ha spiegato Rasimelli – dopo quasi trent’anni. È un appuntamento di tutto il mondo Avis, importantissimo, saranno presenti 1200 delegati che noi chiamiamo ambasciatori di solidarietà. Verranno qui e scopriranno le bellezze della nostra regione, dobbiamo essere accoglienti. Ci saranno momenti assembleari e di vicinanza alle popolazioni terremotate, ma anche iniziative ludiche di una festa collettiva che coinvolge tutti i donatori che sono un patrimonio vitale. Donare sangue è un gesto semplice e dirompente perché salva vite umane”.

A testimoniare la capacità di accoglienza degli umbri il consigliere Iovine. “L’Avis è una delle associazioni più grandi d’Italia – ha concluso Iovine – con circa 1milione e 300mila soci iscritti donatori. A livello nazionale come sangue siamo autosufficienti, cerchiamo di ampliare la campagna sul plasma dove non lo siamo ancora. Ogni regione cerca di dare il suo apporto, è un grandissimo impegno. Faccio veramente i miei complimenti all’Avis Umbria, una bella realtà associativa, ma anche al popolo umbro meraviglioso per ospitalità e gentilezza”. Durante l’assemblea regionale Avis Umbria ha anche presentato il progetto “Buone Prassi”, dedicato alla comunicazione a supporto delle Avis comunali, a cui lavoreranno volontari regionali

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis, assemblea regionale a Terni: “Territorio che fatica nella raccolta del sangue. Un segnale essere qui”

TerniToday è in caricamento