Coronavirus, scatta l’indagine di mercato dell’azienda sanitaria: “Covid hotel per accogliere pazienti asintomatici”

La ricerca si è resa necessaria per i soggetti che richiedono un periodo di quarantena e non sono in grado di trascorrere tale periodo al proprio domicilio

foto di repertorio

Un’indagine di mercato per permettere ai pazienti asintomatici, non in grado di trascorrere il periodo di quarantena nel proprio domicilio, di poter sostare nei cosiddetti ‘Covid hotel’. L'azienda sanitaria Usl Umbria 2 ricerca camere collocate in strutture ricettive alberghiere, paralberghiere ed extra alberghiere situate nei comuni dell’intero territorio regionale.

“La presenza nel territorio di un ridotto numero di soggetti positivi e di un ridotto impegno delle strutture ospedaliere rappresenta una delle condizioni poste dal Ministero della Salute per mantenere il territorio regionale in “Fase 2 A” e per consentire la ripresa di nuove attività. Al fine di ottenere questo obiettivo - è riportato nella delibera n. 968/2020 firmata giovedì 27 agosto dal manager sanitario della Usl Umbria 2 - è necessario da un lato implementare strategie finalizzate alla precoce identificazione dei soggetti positivi ed asintomatici o paucisintomatici. Dall’altro intraprendere azioni finalizzate a minimizzare la trasmissione del virus sia fra la popolazione generale sia all’interno dei nuclei familiari, in particolare quelli con soggetti fragili, che sono particolarmente esposti al rischio di evoluzione sfavorevole della malattia con necessità di ricovero ospedaliero e trattamento intensivo”.

“Risulta evidente - prosegue il documento aziendale - che la strategia ritenuta più efficace in questa fase è quella dell’isolamento, come evidenziato anche recentemente dall’Istituto Superiore Sanità il quale ha pubblicato alcuni dati da cui risulta che il 25% delle nuove infezioni avviene per contagio intra familiare. Va da sé, pertanto, che i provvedimenti finalizzati ad un isolamento efficace assumono, dunque, valore strategico. Infatti, il domicilio del soggetto Covid-positivo, per le caratteristiche dell’abitazione, per la composizione del nucleo familiare o per la presenza, fra i conviventi, di soggetti fragili, solo raramente è pienamente idoneo ad un efficace isolamento, per cui diventa proponibile l’ipotesi di un isolamento extrafamiliare, valutazione quest’ultima, istituzionalmente propria della Usl territorialmente competente".

I Covid Hotel

A tal proposito la soluzione individuata e più velocemente applicabile è quella di identificare, da parte delle aziende sanitarie, strutture ricettive “Covid Hotel” in grado di assicurare condizioni idonee di sorveglianza, condizioni uniformi di ospitalità e una tariffa congrua che tenga conto del contesto emergenziale: “Tale misura mira a garantire l’isolamento ed evitare il contagio intra familiare, oltre che permettere idonei ed efficienti livelli di presa in carico, in sicurezza e in isolamento per i giorni previsti dalla quarantena e fino alla completa guarigione con due tamponi negativi a distanza di 24 ore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento