Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

‘Viaggiare con i bambini è facile se sai come farlo’. Il progetto di una professionista ternana: “Come godersi una vacanza in famiglia”

Bambini Giramondo è il progetto di Marica Giubila: “Sono una grande appassionata di scrittura, viaggi, contenuti digitali. Ho trovato nel blog la quadratura del cerchio”

Una vacanza per lasciarsi alle spalle la routine della quotidianità e godersi ogni singolo momento della giornata. In questo periodo di emergenza sanitaria, probabilmente, il pensiero è stato ricorrente, enfatizzato soprattutto dal contesto pandemico che ha imposto determinate regole, sulle quali conformarsi. Tuttavia, nelle ultime settimane, grazie soprattutto all’aumento delle somministrazioni dei vaccini ed una diminuzione del numero dei contagiati, si sono aperti auspicati spiragli per la ripresa. Ed in tal senso, con l’arrivo della bella stagione, il desiderio di voler concedersi qualche ora di relax, aumenta in modo evidente.

Dal 2017 Marica Giubila ha aperto un blog dedicato a viaggi ed attività dedicate alla famiglia. Sia il portale che i canali social (instagram, facebook, pinterest) li ha denominati Bambini Giramondo. Inoltre, da circa due anni, si avvale della collaborazione di Eva Staffolani, altra professionista del settore, la quale si occupa delle sezioni outdoor e pet travel, settorializzata sulla regione di appartenenza, ossia le Marche.

Una peculiarità principale sulla quale basare il progetto e soprattutto una grande esigenza che sorge, e vuol essere soddisfatta, grazie a Bambini Giramondo. La spiega Marica alla nostra redazione di www.ternitoday.it : “Sono una grande appassionata di scrittura, viaggi, contenuti digitali. Di conseguenza ho trovato nel blog la quadratura del cerchio. Spesso accade che nel momento in cui la famiglia si allarga, il desiderio di viaggiare deve fare i conti con nuove problematiche, quindi il rischio è di mollare la presa. Sotto certi punti di vista spaventa affrontare un viaggio con un bimbo, è necessaria un’organizzazione capillare. A tal proposito il nostro motto è il seguente ‘Viaggiare con i bambini è facile se sai come farlo’. Nasce in questa ottica ‘Bambini giramondo’ proprio mentre stavo diventando mamma anche io. Insomma un vero e proprio incentivo a proseguire”. 

Lo sviluppo: “Essendo ternana ho curato inizialmente la sezione Umbria, per poi dar vita ad una serie di collaborazioni anche con enti internazionali. Sebbene gli argomenti sono molteplici come le località narrate, alcune anche fuori dai confini nazionali, l’Italia centrale e le sue regioni hanno comunque una preminenza. Ricordo il primo articolo dedicato a cinque parchi regionali, pubblicato nel dicembre del 2017. Oltre al blog utilizziamo molto i social media, su tutti instagram, il quale garantisce una notevole spinta. È possibile, attraverso post e stories, raccontare la quotidianità, il back stage. Spesso l’ispirazione è dettata anche da esperienze personali”. Una peculiarità: “Trattasi di un blog prettamente informativo.

Una serie di info fruibili per mamme e papà ma, naturalmente, rivolto anche a chi non ha figli. All’interno di ogni singolo articolo sono presenti dei consigli specifici: informazioni sui servizi, utili per organizzare un viaggio formato famiglia come ad esempio sentieri, strutture ricettive, musei kids-friendly, parchi. Presente anche la sezione dedicata a strutture ricettive per garantire un servizio piuttosto ampio. Senza dimenticare link esterni per consultare portali ufficiali oltre ad approfondimenti, consigli sotto l’egida del medesimo ‘mood’ ovvero il contesto familiare. Durante il lockdown, la sezione ‘Lavoretti per bambini, idee semplici e veloci’ è stata molto visitata. Alla base ci sono fai da te, riciclo creativo e sviluppare competenze trasversali”.

Emergenza sanitaria, riaperture graduali e possibile promozione ulteriore, dopo la scorsa estate, per il cosiddetto turismo di prossimità: “Il blogger detiene una grandissima responsabilità ossia trasferire a chi vuole viaggiare tutte le informazioni necessarie per incoraggiarlo, rassicurarlo nei limiti del possibile e tutelarlo. Ad esempio l’attenzione nella scelta di una struttura che attua le normative anti-contagio, in modo minuzioso. Lo scorso anno tante persone ci hanno chiesto dei dettagli sull’applicazione delle normative. Mettiamo a disposizione il nostro tempo e comunque forniamo delle informazioni utili e spendibili”. La decisione adottata in questo periodo: “Siamo pronte ed aperte a collaborare per il rilancio del comparto con enti, strutture e guide turistiche. Al momento, proprio per il contesto assai delicato, in modo gratuito”.

Il motivo preponderante che ha consentito lo sviluppo del turismo di prossimità: “Il Covid nel disastro globale, sotto certi punti di vista, lo ha incentivato ed agevolato. Ad esempio la bassa Umbria ha accolto tantissimi turisti, soprattutto connazionali, che hanno scelto un’Italia insolita, lontana dal caos delle grandi città. Verde, borghi, natura. Le persone hanno cercato di stare il più possibile all’aria aperta (e cercare percorsi e siti naturalistici)”. Insomma incrociando le dita ci si proietta verso una bella stagione che potrebbe regalare qualche giornata di spensieratezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Viaggiare con i bambini è facile se sai come farlo’. Il progetto di una professionista ternana: “Come godersi una vacanza in famiglia”

TerniToday è in caricamento