rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Rincari vertiginosi delle bollette di luce e gas, la proposta: “Ampliare la platea dei percettori del bonus sociale”

Atto di indirizzo presentato dai consiglieri di Movimento cinque stelle, Partito democratico, Senso civico e Terni immagina per fronteggiare i rincari

“Una stangata di oltre mille euro a famiglia”. I consiglieri comunali di Movimento cinque stelle, Partito democratico, Senso civico e Terni immagina hanno depositato un atto di indirizzo, rivolto a sindaco e giunta, concernente il tema relativo all’aumento delle bollette di luce e gas. Come specificano i consiglieri: “Risultano insopportabili per le famiglie ternane, in particolare quelle con redditi medi e bassi, nonché per le attività economiche”.

Secondo gli esponenti di Palazzo Spada: “Per il primo trimestre dell’anno, gli incrementi previsti sono del più 55 per cento per l’elettricità e del più 41,8 per cento per il gas. Stando a quanto riportano i calcoli delle associazioni dei consumatori si tratta di una stangata di più di mille euro a famiglia. Le cause di tali rincari sono da ascrivere all’eccessiva dipendenza, del nostro paese, dagli approvvigionamenti esterni. Per fronteggiare tali aumenti di utenze di luce e gas – aggiungono - è necessario operare per ampliare la platea prevista dalla legge e dalle disposizioni di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) su base locale dei percettori del bonus sociale per luce e gas, a tutela delle fasce deboli”.

A riguardo i consiglieri comunali si rivolgono al sindaco ed alla giunta chiedendo di: “Assumere un’iniziativa, insieme alle nostre partecipate, affinché si possa ampliare la platea prevista dalla legge e dalle disposizioni di ARERA su base locale dei percettori del bonus sociale per luce e gas”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari vertiginosi delle bollette di luce e gas, la proposta: “Ampliare la platea dei percettori del bonus sociale”

TerniToday è in caricamento