menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bombole, corrugati elettrici e batterie per tir gettate a ridosso del Nera. Nuova fatica di Dino Cecconi allo Staino

Ancora centinaia di rifiuti soffocati dalla vegetazione al ridosso del Nera in Strada dello Staino. Dino Cecconi nuovamente fra le immondizie: "Sono riuscito a tirare via forse sole un quinto dei rifiuti".

C'è chi si scoraggerebbe e potrebbe pensare che la battaglia per la cura di un ambiente più salubre, in particolare a Terni, sia una guerra contro i mulini a vento.

C'è però anche chi pensa che perseguire un valore sia più importante di lasciare tutto intentato. E così, dopo un primo sopralluogo, Dino Cecconi "prende le misure" di una costa dello Staino a ridosso del Nera per una nuova bonifica ambientale totalmente volontaria.

"Ero lì per capire come muovermi per bonifcare un'area dello Staino - racconta Cecconi - quando mi sono accorto che la recinsione che delimitava una scarpata era stata recisa. Ho oltrepassato la rete e mi sono ritrovato di fronte a uno spettacolo orribile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dino Cecconi-4In un'area piuttosto circoscritta c'era di tutto: bombole del gas, decine di corrugati eletterici, batterie di tir, giocattoli e reti per materassi. Una vera e propria discarica a cielo aperto sede di quintali di rifiuti ormai avvolti dalla vegetazione.

"È davvero incredibile la natura - osserva Cecconi - perché ha una forza tale che riesce ad avvolgere tutto intorno a sé, anche i peggiori rifiuti. Il problema - osserva Cecconi - è che poi ci restituisce il conto tutto insieme. Ed è un conto salato. Quello che sono riuscito a togliere, grazie anche all'aiuto di alcuni amici e volontari del gruppo Facebook "Terni Malandata", è forse solo un quinto di quello che è stato gettato solamente in quell'area.

L'aggravante - conclude Cecconi - è che questi atti di grave inciviltà sono frequenti a ridosso del fiume. Ogni giorno corriamo il rischio, soprattutto a Terni, di entrare in contatto con acqua contaminata che poi entra direttamente nelle nostre case. Pensiamoci bene, prima di gettare anche solo una cartaccia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento