Svuotare i canili di Terni e ridurre le spese del Comune: arriva il "Dog friendly ticket", bonus per favorire le adozioni

Incentivo riconosciuto a chiunque intenda adottare un cane. Il buono potrà essere utilizzato per il pagamento delle spese veterinarie o per l’acquisto di alimenti

Troppi ospiti a quattro zampe nel canile comunale e pochi nelle case dei ternani. Ma un bonus per favorire le adozioni dei cani e ridurre le spese del Comune di Terni potrebbe risolvere la situazione: “La problematica del sovraffollamento del canile comunale impone un intervento serio – dichiara il gruppo consiliare di Forza Italia – per questo ci siamo fatti promotori, insieme ad altri consiglieri di maggioranza, di un atto di indirizzo che incentivi l’adozione”.

La proposta riguarda l’introduzione del cosiddetto Dog friendly ticket, già utilizzato in altre regioni e che “sta dimostrando grandi risultati in termini di risparmio e di aumento delle adozioni”.

Ma come funziona? “Abbiamo proposto la corresponsione di un buono – prosegue il gruppo consiliare –  da consegnare al momento dell’adozione del cane, che possa essere utilizzato o per il pagamento delle spese veterinarie, che potranno essere rimborsate dall’amministrazione comunale solo qualora l’adottante si rivolga direttamente alla Usl, o per l’acquisto di alimenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bonus si inserisce in osservanza a quanto stabilito dalla legge regionale n. 10 del 17 Agosto 2016, che prevede la corresponsione di agevolazioni a rimborso di spese medico veterinarie o alimentari. "Riteniamo che tale forma di incentivo – spiegano i consiglieri Lucia Dominici e Francesco Maria Ferranti – debba essere riconosciuto a chiunque intenda adottare un cane, non solo per l’obiettivo di svuotare sempre più i canili, ma allo scopo di garantire maggiore benessere ai nostri amici a quattro zampe. Tale iniziativa, ci teniamo a precisare, rappresenta solo un piccolo passo, poiché per fronteggiare problemi come questo sono necessarie ulteriori e più ampie politiche di intervento e di sensibilizzazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento