rotate-mobile
Attualità

Terni, il sindaco con la valigia: un ‘viaggio’ alla ricerca di un profilo istituzionale

Le ultime dichiarazioni di Stefano Bandecchi hanno smosso la coscienza di diversi esponenti politici locali

Una ‘bordata’ piazzata in televisione, in una rete nazionale che non poteva passare inosservata. Il sindaco di Terni Stefano Bandecchi si è rivolto ai consiglieri comunali, nessuno escluso, nel corso della trasmissione di La7 condotta da David Parenzo. Il passaggio è piuttosto significativo: “Quel consiglio comunale come il parlamento, è molto mal frequentato. L’unico sano è il sindaco, gli altri sono inopportuni, disoccupati in cerca di stipendio”.

A replicare, come non poteva essere altrimenti, sono stati i ‘protagonisti’ a loro insaputa della vicenda e non solo. Tra tutti i distinguo infatti spicca anche un post dell’ex assessore Lucio Nichinonni il quale ha scritto un commento sotto la riflessione di Maria Grazia Proietti su facebook: “Mi vergogno di aver fatto parte di un esecutivo di questo schieramento politico (tutti in assoluta buona fede) che comunque voleva e credeva per il bene della città. Come lei ben sa sono uscito (anche troppo tardi!). Non ho mai fatto politica in vita mia (semmai l'ho subita) ma mi creda ero armato dei migliori propositi e avevo avviato delle progettazioni interessanti. Sono desolato. Spero che tutto questo passi il più presto possibile”. Parole di sicuro non banali e affatto scontate.

Sono ormai trascorsi sei mesi dall’inizio della consiliatura a guida Bandecchi. La giunta lavora alacremente per migliorare la città e apportare quella discontinuità, rispetto al passato, per dare una comprensibile impronta al proprio operato. Tra idee, progetti, interventi fatti e in itinere. I presupposti per lasciare un segno positivo ci sono davvero tutti. Tuttavia arrivano dichiarazioni, post sui social (non solo dal primo cittadino) che poco o nulla hanno a che fare con il profilo istituzionale da assumere. E nel momento in cui si indossa la fascia tricolore - metaforicamente o realmente - poi ci si assume la responsabilità (l’onore e l’onere) di rappresentare i cittadini di Terni in toto. Basterebbe ricordarselo ogni tanto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, il sindaco con la valigia: un ‘viaggio’ alla ricerca di un profilo istituzionale

TerniToday è in caricamento