Bricciali, palazzo Spada approva gli indirizzi per la statalizzazione

La deliberazione formalizza la volontà di proseguire nella direzione del sostegno da parte dell’amministrazione alle attività all’istituto riconosciuto quale presidio culturale fondamentale

Il consiglio comunale ha approvato all'unanimità gli indirizzi necessari a dare attuazione al processo di statalizzazione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Briccialdi nel rispetto dei tempi stabiliti dall’iter. La deliberazione formalizza la volontà di proseguire nella direzione del sostegno da parte dell’Amministrazione alle attività all’Istituto riconosciuto quale presidio culturale fondamentale.
Con l’atto viene assicurato all’Istituto l’utilizzo delle sedi sulla base di una convenzione di statizzazione che impegnerà l’Amministrazione ad attribuire ad esso la piena disponibilità degli immobili di proprietà comunale, ad uso perpetuo e gratuito, per lo svolgimento delle attività; ad assicurare la disponibilità gratuita degli edifici adibiti a sede; a rendere disponibili, in comodato gratuito temporaneo non esclusivo, alcuni spazi riservando all’Istituto per 20 giornate il Teatro Secci e per altre giornate l’Auditorium di Palazzo Primavera. Su Palazzo Primavera il consiglio comunale ha approvato all'unanimità un emendamento che innalza le giornate a disposizioni del Briccialdi da 20 a 50.
La convenzione, in aggiunta, impegnerà il Comune ad un contributo annuo di 50 mila euro, oltre agli oneri previsti dalla legge, suscettibile di essere incrementato a fronte di specifici progetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

Torna su
TerniToday è in caricamento