Lunedì, 26 Luglio 2021
Attualità

Campeggio delle Marmore: “Area con rischio idrogeologico molto elevato. Necessario mantenere un servizio di accoglienza per i turisti”

Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia: “Una delle tante eredità lasciate dalla passata amministrazione: scelte sbagliate, regole disattese, proroghe illecite”

foto Giacomo Sirchia

Si chiude una settimana piuttosto intensa che ha visto, al centro del dibattito, la chiusura del camping dei Campacci nella frazione di Marmore. Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ha voluto far quadrato attorno alla maggioranza, evidenziandone le scelte adottate e le possibili soluzioni da concertare con la giunta. Inoltre i consiglieri hanno puntato il dito contro la passata amministrazione in virtù di: “Scelte sbagliate, regole disattese, proroghe illecite, norme urbanistiche edilizie disattese e difformi, atti amministrativi adottati al limite della legalità”

“Le regole, si sa, sono normalmente percepite in modo ambivalente: da un lato come garanzia di correttezza e trasparenza dall’altro come pietra d’inciampo per il vivere quotidiano” affermano i consiglieri. “Spesso le scelte di un’amministrazione sono impopolari e non ben voluti per taluni, ma corretti per altri. Noi staremo sempre dalla parte di chi si impegna per agire per il bene di questa città alla luce del giorno e in piena legittimità. Tutto quello che faremo sarà quello di adoperarci seguendo le linee della giustezza amministrativa, della conformità alle normative e della legittimità, tutto ciò che la passata amministrazione non ha fatto”.

I consiglieri entrano nel merito della vicenda: “Sotto gli occhi di tutti ed è una delle tante eredità lasciate dalla passata amministrazione: scelte sbagliate, regole disattese, proroghe illecite, norme urbanistiche edilizie disattese e difformi, atti amministrativi adottati al limite della legalità.

Un campeggio per anni aperto in un’area sotto il profilo urbanistico non congrua, con rischio idrogeologico molto elevato visto che l’area è classificata con classe di rischio R4, che per anni ha messo a rischio i numerosi campeggiatori, adulti e bambini, che ne usufruivano, ignari della situazione.  Ed oggi la nuova amministrazione ha dovuto decidere la via da seguire per correggere gli errori del passato. La scelta – proseguono - è stata e continuerà ad essere quella corretta e regolare sotto ogni profilo, dettata dal senso di responsabilità di questa amministrazione verso le persone, volto a tutelare l’incolumità delle persone.

Ci dispiace enormemente constatare che, gli errori e la poca chiarezza amministrativa del passato, debbano andare ad avere riflessi e conseguenze negative, anche di enorme portata, sui cittadini di questa città. Ma questo è, ad oggi, il dato di fatto: Gli amministratori “eroi” delle scelte scellerate del passato, se ne sono capaci, si prendano le proprie responsabilità. Noi non ci tiriamo indietro, pe quanto ci compete. Poiché questo è quello che succede ogni giorno. E noi siamo chiamati a risolvere e trovare soluzioni per correggere errori fatti da altri. E a volte dobbiamo fare scelte impopolari, ma certamente motivate e corrette”.

Sulle possibili soluzioni da adottare e concordare: “Riguardo il Campeggio di Marmore ci adopereremo per trovare e consigliare alla giunta le soluzioni migliori sotto ogni profilo con il fine ultimo ed importantissimo di mantenere un servizio di accoglienza fondamentale nell’area interessata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campeggio delle Marmore: “Area con rischio idrogeologico molto elevato. Necessario mantenere un servizio di accoglienza per i turisti”

TerniToday è in caricamento