rotate-mobile
Attualità

Campionati italiani di cucina, brillano gli chef del ternano: “Esperienza bellissima. Abbiamo portato i prodotti del territorio”

La manifestazione si è svolta all’interno dell’evento del Beer&Food Attraction. Chef del territorio ternano in grande evidenza

Una location d’eccezione per un evento molto atteso, organizzato all’interno del Beer&Food Attraction. I Campionati italiani di cucina hanno celebrato anche il territorio ternano, grazie alle competenze degli chef che si sono cimentati nelle varie prove previste. La gigantesca Fiera di Rimini dunque ha ulteriormente consacrato il buon cibo proveniente dall’Umbria meridionale, particolarità che sicuramente fa piacere, anche in ottica di turismo enogastronomico.

A tal proposito l’Associazione provinciale cuochi di Terni rimarca la bontà degli attestati ricevuti: “Una grande partecipazione da parte dei nostri numerosi associati, i quali hanno presenziato alle varie prove, distribuite tra le categorie previste tra cucina calda, pasticceria, squadre di street food e mistery box. Siamo molto grati agli associati che hanno profuso un grande impegno, sotto molteplici profili. Un buon riconoscimento al valore della cucina e della nostra terra”.

Pioggia di medaglie e riconoscimenti al termine dei Campionati. Tutti i titoli ottenuti dai professionisti di Terni e provincia: medaglia d'argento cucina calda senior Davide Riscaldati; medaglia d'argento cucina calda junior Riccardo Foglietti; medaglia di bronzo in pasticceria per Angelo D'Acquisto e Hamzai Fjorda; medaglia d'argento allo street food per Angelo D'Acquisto, Davide Riscaldati, Imma Esposito.

Inoltre medaglia di bronzo allo street food per il team Manzini Federico, Michela Lo Pinto, Mirko Raspi; medaglia di bronzo allo street food per il team Cinzia Frosoni, Roberta Agostinelli, Sara Di Pietro; medaglia di bronzo allo Street Food per il team Umberto Trotti, Simone Camillucci, Claudio Grilli. Infine attestati di partecipazione per il 4° posto al concorso mistery box a Federico Manzini e Luca Quintarelli; Umberto Trotti e Camillucci Simone.

La redazione di www.ternitoday.it ha raggiunto quattro professionisti che hanno partecipato al grande evento di Rimini. Una bella soddisfazione per Sara Di Pietro, Cinzia Frosoni e Roberta Agostinelli le quali hanno conquistato la medaglia di bronzo, al termine del contest dedicato allo street food. “Una squadra di lady chef che abbiamo denominato Ragazze di campagna preparando il piatto Cinghiale e maiale on the road”.

Una esperienza da ricordare: “Tre giorni indimenticabili all’interno dei quali c’è stata la possibilità di partecipare a tale competizione. Siamo arrivate molto presto e dopo il controllo dei prodotti, portati per l’occasione dalla nostra amata terra, abbiamo iniziato le varie preparazioni”. Cosa avete cucinato?: “Una salsiccia di cinghiale fritta, un panzerottino ed una pizzola, in particolar modo, con l’obiettivo di farla conoscere ed apprezzare ai presenti. I giudici erano molto attenti a tutte le fasi, catene e rapporto con il pubblico”. Lo street food infatti si basa anche su quest’ultimo aspetto: “Dopo aver esposto il piatto si è passati allo step della vendita di 90 monoporzioni, oltre alle sei dedicate all’assaggio da parte dei giudici. Il sistema di valutazione era molto articolato e l’attenzione massima, nel rispettare tutte le normative previste, anche all’interno della cucina che ci avevano dedicato”.

Una medaglia da celebrare: “Ansia da prestazione, qualche timore ma anche tanta gioia nel vedere che alla fine le nostre leccornie sono state apprezzate. Al termine della gara c’è stato un briefing con i capi giuria e gli chef. Ci hanno fornito dei consigli davvero utili. A livello professionale – spiegano le Ragazze di campagna – il nostro bagaglio è sicuramente più consistente, rispetto a quando siamo partite. Senza dimenticare i confronti con i colleghi di altissimo livello. Tutto ciò è fonte di accrescimento notevole che può solo arricchire. Una vera e propria full immersion di emozioni, sensazioni da riportare nelle nostre cucine che garantiscono una carica fortissima, anche in previsione futura.  Aiutandoci a vicenda– concludono – poi è stato possibile conquistare la medaglia”. 

Lo chef Federico Manzini ha tastato due concorsi mai fatti in precedenza: “Ci siamo espressi all’interno di una box misteriosa dove, in 45 minuti, era necessario preparare un piatto indicato dai giudici. È stata una bella esperienza anche nel reparto street food, poiché abbiamo utilizzato i prodotti del nostro territorio. Tutto ciò consente di salvaguardare l’identità del cibo e apporta un valore aggiunto proveniente dalle aziende locali”. E complimenti a tutti!.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campionati italiani di cucina, brillano gli chef del ternano: “Esperienza bellissima. Abbiamo portato i prodotti del territorio”

TerniToday è in caricamento