Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Ricominciamo con l’estate 2021, il grande impegno di Afad Terni per i bambini e ragazzi con disabilità

Sono ottanta i partecipanti al campus organizzato dall’associazione grazie ad una rete di collaborazione e solidarietà

Abbiamo iniziato a pensare il campus quando le parole d’ordine erano quasi esclusivamente: lockdown, distanziamento, tamponi, didattica on line, chiusure, vaccini. I nostri bambini e ragazzi risentivano ancor più degli altri di tutto questo. E se l’estate rappresenta sempre per loro un periodo di isolamento, quest’anno sarebbe stata ancor più pesante.

Cosa poter fare per rispondere alle loro esigenze e supportare le famiglie, anch’esse fortemente gravate dalla gestione di situazioni complesse in un periodo emergenziale e, in molti casi, anche da una maggiore fragilità economica acuita dalla pandemia? Ha così pian piano preso corpo il progetto “Ricominciamo con l’estate 2021”, nome evocativo per un ritorno ad una socialità piena, preziosa per il benessere psico-fisico dei nostri bambini e ragazzi.

FotoAtletica-2Non senza difficoltà e con un notevole sforzo organizzativo, lo scorso 14 giugno ha preso il via il nostro campus che durerà fino al 9 luglio, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13. Come nella nostra migliore tradizione, si tratta di un campus integrato, la cui peculiare differenza sta però nel fatto che in questo caso sono stati i ragazzi normo-tipici, dopo un lavoro di sensibilizzazione con loro e le loro famiglie, ad aver chiesto di essere inseriti con i loro coetanei con disabilità.

Abbiamo voluto dare un taglio diverso anche alle attività: sono state privilegiate quelle sportive che possono rappresentare un volano per una continuità oltre la fine del campus. Preziosa ed indispensabile è quindi la collaborazione che siamo andati a stringere con la società sportiva Union Basket. Questa ha a sua volta creato una rete con altre società, quali Polisportiva Ternana per il tennis, Lanciatori Terni per l’atletica, Npinc per il basket in carrozzina, Polisportiva Boccaporco per le bocce, che attraverso loro istruttori qualificati coinvolgono i ragazzi nelle diverse specialità.

FotoAmodì2-2Per i meno sportivi e per riprendere un po’ il fiato tra uno sport e l’altro ci pensa la Cooperativa Sociale Amodì – Servizi Educativi con laboratori per la scoperta dell’arte attraverso il gioco e la conoscenza degli elementi naturali.

Per finire in bellezza, non può mancare un bel tuffo in piscina per tutti! Come location abbiamo infatti scelto il parco Chico Mendes, luogo che rappresenta da sempre un’eccellenza nell’accogliere e la cui direzione è storicamente sempre pronta a rispondere alle esigenze delle persone con disabilità. Solo in caso di pioggia, le attività sono state pensate presso la palestra del comando provinciale dei vigili del fuoco, che insieme all’Associazione nazionale vigili del fuoco ha ancora una volta dimostrato grande sensibilità ed attenzione nei nostri confronti.

FotoBasketinCarrozzina1-2Parlando di numeri, abbiamo quest’anno avuto un vero e proprio boom di adesioni e, cercando di dar il più possibile risposte a tutti, stiamo accogliendo, suddivisi in due moduli, ben 80 bambini e ragazzi. È per noi un orgoglio aver potuto accogliere tra questi anche accogliere un bambino con grave disabilità motoria che senza un trasporto dedicato non avrebbe potuto godere di momenti di socializzazione per tutta l’estate. Per altri bambini la cui disabilità non ha permesso la partecipazione al campus, abbiamo inoltre attivato un servizio di assistenza domiciliare di sollievo per le famiglie. E pensare che dal primo campus con 15 ragazzini si era passati al successivo di 30 e che per l’attuale ne avevamo ipotizzati solo 60. Questo dà il polso di quanto siano necessarie iniziative di questo tipo, soprattutto se tarate su standard di alta qualità educativa e di attenzione alle necessità di ogni bambino, sia con disabilità che non.

E a proposito di qualità del servizio non poteva mancare l’alta professionalità degli educatori della cooperativa Helios che abbiamo incaricato di seguire i ragazzi per tutta la durata del campus, aiutati da volontari degli istituti superiori con funzione di tutor. Novità di quest’anno: abbiamo affiancato ai tutor, sempre nell’ottica a noi cara di una integrazione più ampia possibile, loro coetanei con disabilità in qualità di aiutanti.

In ultimo, ma non per importanza, sono presenti al campus anche le nostre due preziose psicologhe, Miryam Pinnella e Giulia Commissari, sempre pronte ed attente, in modo che ogni ragazzo, sia con disabilità che non, possa trarre il meglio da questa esperienza.

Ma come è possibile organizzare tutto questo per una associazione senza scopo di lucro, che non riceve alcun tipo di finanziamento pubblico, vive solo con le quote associative, gli introiti del 5x1000 e piccole donazioni e considerando che la partecipazione al campus è per tutti assolutamente gratuita?

Si tratta di uno sforzo economico dell’ordine di alcune decine di migliaia di euro, difficilmente sostenibile se non grazie alla fiducia che anche quest’anno ha riposto nel nostro progetto la Fondazione Cassa di risparmio di Terni, concedendoci un finanziamento, che andrà a coprire la gravosa spesa per gli educatori professionali. Ma anche le altre spese (trasporti, assicurazioni, incarichi professionali, materiali, ecc.) sarebbero state per noi difficili da sostenere se l’associazione Terni col Cuore non avesse deciso di appoggiarci, facendosene carico. A entrambi va la nostra più viva gratitudine e, come ringraziamento, il sorriso e la gioia di tutti i nostri bambini e ragazzi.

Diverse sono state le persone delle istituzioni, della società civile e del volontariato che ci hanno fatto visita ed altre visite sono in programma. Desideriamo ringraziare tutti per l’attenzione che hanno avuto nei nostri confronti e auspichiamo che si creino sinergie, o si rafforzino quelle già esistenti, in modo che si possa arrivare all’obiettivo di vivere tutti in una società più attenta ai bisogni e più pronta a rispondere alle legittime aspirazioni delle persone con disabilità.

Auspichiamo infine che questo campus possa in futuro essere preso come riferimento e replicato in altri contesti e realtà.

*presidente Associazione Famiglie di Disabili - A.FA.D. Terni OdV

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricominciamo con l’estate 2021, il grande impegno di Afad Terni per i bambini e ragazzi con disabilità

TerniToday è in caricamento