Il torrente Serra invaso dalla vegetazione: le cannucce raggiungono le abitazioni di Borgo Bovio

Le piante erbacee crescono a dismisura e hanno superato i muretti posti lungo il torrente. Vegetazione ovunque

foto torrente Serra

Una suggestione che diventa realtà avvicinandosi al letto del Serra. Le cannucce infatti hanno letteralmente invaso il torrente, crescendo a dismisura in queste ultime settimane. Nella zona di Borgo Bovio, all’altezza dell’ingresso di Acciai Speciali Terni, sono arrivate a superare i muretti separativi. Sembra un effetto ottico ma, da via Ponte d’oro proseguendo in direzione sud di viale Breda, le piante erbacee hanno effettivamente raggiunto il livello massimo di espansione, portandosi a livello delle prime abitazioni. Le criticità che riguardano il Serra comunque non si fermano in quella zona precipua. Tra rifiuti gettati e vegetazione florida il corso d’acqua termina la sua corsa gettandosi nel Nera, all’altezza dei giardini di viale Campofregoso. Un breve video per testimoniare quanto emerge nell’area menzionata in precedenza.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento