Caos, i sindacati chiedono verifiche all'ispettorato del lavoro: sotto analisi l'applicazione della clausola sociale

Incongruenze emerse riguardano le tabelle del personale impiegato nel servizio, con l'evidenziarsi di una completa differenza tra quelle pubblicate nel bando di gara e quelle forniteci dalle aziende uscenti. Discrepanze anche sul monte orario

 In data odierna si è svolta l’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici dei servizi museali e teatrali del Comune di Terni, per discutere delle problematiche relative alla corretta applicazione della clausola sociale prevista nel bando di gara, nei contratti collettivi nazionali di lavoro, nel codice degli appalti e definita nella sua implementazione dalle linee guida dell’autorità nazionale anticorruzione. L'assemblea è stata convocata da Fp Cgil , Slc Cgil, Fisascat Cisl e Uil Fpl.

"Dopo i primi incontri con la cooperativa “Le Macchine Celibi”, aggiudicataria dell’appalto,  - si legge in una nota dei sindacati - alla quale abbiamo chiesto il piano di riassorbimento del personale e dopo un incontro avuto con l’amministrazione comunale presso l’assessorato alla Cultura del vice Sindaco Andrea Giuli, in cui abbiamo chiesto particolare attenzione al rispetto della clausola sociale e chiarimenti sui dati del personale impiegato, abbiamo rilevato diverse criticità.

In particolare, le incongruenze emerse riguardano le tabelle del personale impiegato nel servizio, con l'evidenziarsi di una completa differenza tra quelle pubblicate nel bando di gara e quelle forniteci dalle aziende uscenti. Sottolineiamo, inoltre, come anche il monte orario previsto nelle suddette tabelle mostri notevoli discrepanze tra i due documenti.

Per quanto riguarda invece il piano di assorbimento del personale, l’azienda aggiudicataria intende, contrariamente alla ratio della clausola sociale, impiegare personale proprio, già utilizzato in altri servizi e nel contempo destinare una piccola parte residua di ore di lavoro al personale già in servizio nell’appalto precedente, titolare dei diritti di cui alle clausole sociali e con proposte di contratti di lavoro che riducono al di sotto di ogni criterio di proporzionalità, mansioni, retribuzioni e tutele.

Per tali ragioni particolari, così come in virtù di un discorso più generale che riguarda i cambi di gestione negli appalti pubblici, specialmente quelli ad alta intensità di manodopera con alto rischio di alimentare processi di dumping salariale che danneggiano gravemente lavoratori e territorio,  abbiamo deciso di rivolgerci con atto formale all’Amministrazione Comunale affinché verifichi la corretta applicazione della clausola sociale, essendo essa condizione di ammissibilità alla gara pubblica; di chiedere contemporaneamente l’intervento dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Terni e Rieti con la conseguente convocazione delle parti al fine di tutelare i lavoratori interessati al cambio di gestione.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento