Sabato, 18 Settembre 2021
Attualità

Cartelli e segnaletica verticale: “Un solo operaio se ne occupa”. In arrivo la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali

L’architetto Angelo Porchetti: “Se il progetto dovesse essere finanziato interverremo su alcuni attraversamenti pedonali ad alta incidentalità”

foto di repertorio

Cartelli pericolanti, poco chiari, mal posizionati in un contesto di "grande confusione”. L’atto di indirizzo presentato dal capogruppo Michele Rossi (Terni Civica) è stato discusso nel corso della prima seduta consiliare. A fare chiarezza l’architetto Angelo Porchetti, sollecitato anche da alcune domande poste da Valentina Pococacio del Movimento 5 Stelle.

Il capogruppo Rossi ha dichiarato: “La confusione crea pericolo. L’atto deriva da una semplice constatazione che scaturisce da un qualcosa che si protrae nel tempo. Chiedo al suo interno di procedere ad uno studio settoriale, relativo alla nostra città. Una situazione caotica e complessa ereditata dal passato”. Successivamente è intervenuto Alessandro Gentiletti (Senso Civico) che ha aggiunto: “Trattasi di una questione strettamente amministrativa. Se oggi la situazione è quella che descrive il consigliere Rossi è una cosa grave”. Il consigliere Emanuele Fiorini (Forza Centro) ha aggiunto: “Il problema della segnaletica è sicuramente reale. In alcuni punti della città è deteriorata ed inutile. Per affrontare il tema serve qualcuno che stia sul campo. Facciamo un tavolo, coinvolgendo ad esempio le autoscuole che percorrono la città e possono darci dei suggerimenti”. Infine Valentina Pococacio: “Sono atti che dovrebbero essere routine, di ordinaria amministrazione. Dovremmo parlare di altro, è un problema di decoro e riguarda una segnaletica fatiscente quanto pericolosa”.

L’architetto Angelo Porchetti ha dunque snocciolato alcuni aspetti tecnici: “Sono molti anni che il problema relativo alle manutenzioni viene sottoposto all’attenzione dei vari assessori. Solo ultimamente si stanno muovendo le cose. Negli ultimi due anni siamo riusciti a fare un po' di segnaletica orizzontale, con i fondi messi a disposizione. Arriviamo sempre ad ottobre a fare le gare, dopo le procedure”.

“Un punto ancora più dolente" è quello della manutenzione della segnaletica orizzontale. "Abbiamo un solo operaio che ci lavora per circa 280-300 interventi di piccola manutenzione, riguardanti segnalazioni degli operatori di vigilanza e dei singoli cittadini. Abbiamo attivato uno studio su tutta la segnaletica per arrivare ad ottenere una stima della manutenzione straordinaria da fare. Ci potrebbe consentire di revisionare la situazione complessiva. La città di Terni è stata divisa in quattro zone, le zone in sottozone, per poi procedere con il censimento. Alla fine dello stesso sarà necessario ottenere delle risorse per completarlo e mettere in pratica ciò che è stato concertato”.

Altre criticità evidenziate: “Il nostro ufficio, tra trasferimenti e pensionamenti, ha perso quattro tecnici. Tuttavia abbiamo iniziato a lavorare sulla messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, come ad esempio viale Villafranca e viale Trento. Nella fattispecie una illuminazione che potrebbe aiutare anche gli automobilisti ad essere maggiormente attenti. Tutto ciò se il progetto dovesse trovare dei finanziamenti necessari”.

A quanto ammonterebbero i fondi necessari per intervenire?: “Per l’orizzontale abbiamo la statistica degli anni in cui riuscivamo a farla attraverso le risorse messe a disposizione. Con un importo di circa 300mila euro l’anno riuscivamo a coprire il fabbisogno, poiché tale finanziamento era continuo. Adesso siamo in affanno. Con gli ultimi ricevuti, ad esempio, non siamo riusciti a fare gli interventi nelle zone turistiche. Per la verticale con una cifra di 40mila euro annue potevamo coprire il fabbisogno”. Infine l’architetto Porchetti ha aggiunto: “Lo scorso anno abbiamo avuto 140mila euro a disposizione, dopo molto tempo che non sono arrivati fondi da poter utilizzare". L’atto è stato approvato all’unanimità dalla commissione consiliare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartelli e segnaletica verticale: “Un solo operaio se ne occupa”. In arrivo la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali

TerniToday è in caricamento