menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cascata delle Marmore, ecco come cambiano gli orari di apertura dell'acqua

La proposta del Comune prevede la riduzione dei rilasci nelle ore serali a favore di un'apertura continuata durante il giorno

Che ci sarebbero stati ulteriori cambiamenti, era cosa nota. Ed ora sembra che, dopo numerosi incontri e confronti tra amministrazione comunale ed Erg, l'accordo sia stato trovato. Nessun incremento delle ore totali di rilascio dell'acqua, che rimangono 1287, ma una diversa rimodulazione delle aperture. Una impasse finalmente risolta e che stava assumendo dei toni quasi assurdi, se si considera che, ad oggi, ancora non era conosciuto l'orario della cascata per il 2020.
L'obiettivo dell'operazione era quello di ottimizzare il monte orario di rilascio dell'acqua, e la soluzione approvata dalla Giunta prevedrebbe una modifica significativa rispetto a come, fino ad oggi, si era stati abituati a “vivere” la cascata delle Marmore.
Guardando il nuovo orario per 2020, infatti, salta subito all'occhio come il cambiamento sostanziale riguardi le aperture serali, praticamente eliminate nei mesi di giugno e settembre, mentre saranno previste solo il sabato e la domenica nel mese di luglio. Questo, a fronte di un'apertura continuata nel corso del giorno secondo diverse modalità a seconda del mese di riferimento. Ad ottobre, inoltre, è stato inserito il rilascio dell'acqua anche feriali mentre in precedenza, dal lunedì al giovedì, non era previsto.

Per il mese di gennaio, invece, è confermata l'apertura solo il sabato e la domenica e il 1° e 6 del mese, mentre a febbraio il rilascio ci sarà il sabato, la domenica e il 14 febbraio dalle 12 alle 14, altro orario inedito per le Marmore. Rimarrà probabilmente da definire, invece, l'orario di apertura del parco, soprattutto rispetto al periodo estivo: fino allo scorso anno le biglietteria e gli accessi seguivano l'orario di apertura dell'acqua, quindi fino alle 22. Probabilmente per luglio e settembre, alla luce del nuovo orario, sarà necessario apportare delle modifiche che ancora, se definite, non sono state comunicate.

In giornata, inoltre, la Giunta ha approvato anche un ulteriore atto riguardante la Cascata, ossia il programma di gestione integrata per il prossimo anno, in base al quale il Comune prevede per il sito turistico entrate per 3 milioni 65 mila euro, a fronte di uscite di circa 1 milione 563 mila euro (circa un terzo per il contratto di servizio per la gestione dei servizi turistici e logistici). L’ipotesi del riparto di utile di gestione per le casse comunali è dunque di 1 milione 200 mila euro circa, mentre per la Provincia sarà di poco più di 300 mila.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento