Terni, Cascata delle Marmore in attesa di visitatori tra sensi unici e controlli anti-assembramento

Dopo il lockdown l'attrazione turistica torna visitabile in un ponte del 2 giugno diverso da tutti gli altri

In tempi normali, un ponte come quello del 2 giugno avrebbe fatto registrare un pienone di quelli da migliaia e migliaia di visitatori, con le code in Valnerina e lungo la strada di Marmore, parcheggi selvaggi e l’allegra confusione di chi rimane estasiato davanti ai tre salti della Cascata delle Marmore. Una situazione a cui si pensa con nostalgia, in vista di giornate caratterizzate da incertezze, impossibilità di muoversi tra regioni e il meteo non proprio favorevole.

Ma tant’è, il parco della Cascata ha riaperto i battenti: da ieri, dopo tutte le sanificazioni del caso, Belvedere superiore e inferiore sono di nuovo accessibili ai visitatori che però, almeno nella giornata di oggi, si sono visti col lumicino: i biglietti staccati, infatti sono stati una trentina, sia a pagamenti che gratuiti.

Niente di inaspettato: la riapertura è stata ufficializzata all’ultimo e, probabilmente, non poteva essere diversamente se si considerano i tempi di pubblicazione degli atti ufficiali e le procedure necessarie per mettere in regola l’intero parco. Il tempo per effettuare un’adeguata promozione non c’è stato anche se, c’è da dire, telefonate e mail con richieste di informazioni non sembrerebbero mancare. L’attesa è per il 3 giugno, quando sarà possibile spostarsi tra regioni, quando si potrà avere un quadro più chiaro su come potrà andare una stagione turistica che purtroppo non sarà di certo come le altre.
Intanto, le biglietterie hanno aperto con adesivi in terra per far rispettare il distanziamento e sui banconi, oltre all’immancabile igienizzante, è stato sistemato un pannello di plexiglass.

Biglietteria-2

All’interno del parco, la prima cosa che salta all’occhio è la fitta presenza di cartelli di divieto d’accesso per segnalare il corretto senso di percorrenza delle varie zone del parco, dal Belvdedere Secci all’accesso all’area escursionistica, fino ai sentieri 2 e 3 da percorrere a senso unico, mentre il tunnel degli innamorati è raggiungibile solo con l’accompagnamento della guida. Presente anche il personale addetto a “controlli anti-assembramento”, sia in biglietteria che nel parco, per rispettare le giuste modalità di comportamento. Anche se, oggi, in effetti, il rischio assembramento è stato davvero lontano, considerando anche la pioggia. Ora non rimane che vedere come saranno le prossime giornate, in attesa di un avvio di stagione che, si spera, possa far tornare il sorriso.

ingresso secci-2

passaggio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento