Cascata delle Marmore, un’estate da ricordare nonostante il Covid: “Bloccate temporaneamente le biglietterie per evitare il sovraffollamento”

I numeri sono davvero entusiasmanti per il sito premiato dal turismo di prossimità. Nel week end di Ferragosto quasi 18300 tagliandi staccati

foto Giacomo Sirchia

Un’estate da ricordare, almeno fin qui, per la Cascata delle Marmore. Il sito naturalistico è stato letteralmente preso d’assalto e premiato dal turismo di prossimità, tanto in voga nella stagione post emergenza sanitaria. Sono i numeri a dare un assaggio di quanto accaduto. Sia nel mese di luglio che nelle scorse settimane si è raggiunto un considerevole incremento degli accessi. Nello specifico il doppio rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Il trend è confermato anche per il week end di Ferragosto anche se l’aumento è stato un pizzico più modesto.

Dai circa 16100 ingressi del 2019 (giovedì e venerdì ndr) si è passati ai quasi 18300 di sabato 15 e domenica 16 agosto. C’è però un elemento sul quale riflettere che purtroppo sta causando disagi - un po' ovunque - ossia il rispetto del distanziamento sociale. A tal proposito, nelle giornate menzionate, le biglietterie hanno chiuso i battenti per un paio d’ore onde evitare di sovraffollare troppo il parco. Una decisione comprensibile, dato il momento storico attraversato, la quale ha suscitato qualche malumore tra i tantissimi turisti arrivati per ammirare lo splendido scenario della Cascata. Altro elemento da tenere in considerazione il servizio navetta, utilissimo in ottica decongestionamento. Sono stati acquistati 3850 biglietti (15 e 16 agosto ndr) consentendo una migliore distribuzione di visitatori, soprattutto del sentiero 1 particolarmente frequentato. 

Ottimi dati anche per Narni

Numero di visite in netta crescita per la settimana di Ferragosto - rispetto allo stesso periodo del 2019 - al museo civico e alla Rocca Albornoz di Narni. Per quanto riguarda quest’ultima gli ingressi sono stati 1.127 rispetto ai 693 del 2019. Al museo si sono contate 543 visite a fronte delle 349 di un anno fa. Ai sotterranei di San Domenico sono passate 160 persone al giorno. Infine molto positivi i dati relativi all’infopoint al quale si sono rivolti 1.700 turisti. Insomma c’è una prossimità che premia e valorizza con merito l’intero territorio ternano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

Torna su
TerniToday è in caricamento