Casi di covid regione, il direttore del personale: "Rigoroso rispetto dei protocolli per la tutela della salute dei dipendenti"

Carlo Cipiciani, direttore regionale al personale e patrimonio, risponde ai dipendenti in protesta e i sindacati che avevano denunciato un basso livello di attenzione e contenimento dei casi di contagio emersi all'interno del palazzo regionale perugino del Broletto.

Dopo che Terni Today aveva sollevato il caso e in seguito dalla denuncia delle sigle sindacali, il direttore regionale alle risorse e programmazione, Carlo Cipiciani, fa il punto della situazione dal lato amministrativo, raccontando dal suo punto di vista come sono andati i fatti. 

“Appena ricevuta la notizia della positività di una collega nella struttura della Regione Umbria, nella sede del Broletto a Perugia - scrive Cipiciani - si è provveduto ad attivare la modalità smart working per tutto il personale del servizio di appartenenza della dipendente e a sanificare l’intero 3° piano, della sede regionale.  Tutte operazioni previste dai protocolli sanitari in vigore e concordate preventivamente con il medico competente per la regione”

Sui tamponi non somministrati

“Per ciò che riguarda la richiesta di effettuazione di tamponi a tutti i dipendenti regionali della sede del Broletto – aggiunge Cipiciani -, avanzata da alcuni rappresentanti delle organizzazioni sindacali, occorre in primo luogo valutare l'applicazione delle norme e dei protocolli sanitari vigenti, che si preoccupano di tutelare il sacrosanto diritto alla salute e dunque il coerente utilizzo delle preziose risorse materiali ed umane che devono sottoporre alle verifiche necessarie coloro che ne hanno reale bisogno, per non rallentare, se non paralizzare, il lavoro della Asl competente. Anche in questo caso, l’amministrazione si è attenuta scrupolosamente a quanto previsto nei protocolli medico sanitari ed alle indicazioni delle autorità preposte”.

   “L’Amministrazione regionale – precisa il direttore -, fin dall’inizio della pandemia, ha infatti adottato tutte le misure di tutela previste per la salute dei propri dipendenti. Non solo sono state applicate con estremo rigore ed in modo completo le disposizioni dettate dalle normative nazionali, ma sono stati inoltre sottoscritti con le rappresentanze sindacali protocolli ancora più stringenti e tutelanti di quanto individuato a livello nazionale”.

"Tuteliamo tutti. È in vigore un protocollo regionale"

Cipiciani afferma inoltre che “mai si è pensato di non tutelare i dipendenti, e in particolare quei soggetti definiti fragili, tanto che lo smart working è stato esteso nella prima fase a circa il 90% del personale mentre, attualmente, l’orario di lavoro reso in presenza si attesta intorno al 30-40% di quello complessivamente da rendere. Come si può ben notare, numeri cautelativi che vanno oltre le indicazioni contenute nei dpcm che nel tempo si sono succeduti”.

“Le modalità di comportamento all’interno delle sedi regionali – prosegue il direttore - sono contenute e spiegate in un Protocollo regionale di sicurezza adottato e aggiornato, conformemente all’evolversi della situazione epidemiologica, recependo le indicazioni del servizio di igiene e sanità pubblica della Asl Umbria 1 e del medico competente, incaricato dalla regione (ai sensi del decreto legislativo 81/2008) che disciplina le modalità di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Protocollo e i suoi aggiornamenti vengono emanati dal Datore di lavoro per la sicurezza dopo aver ascoltato, sempre in ogni occasione in cui è stato richiesto, il ‘Comitato per l'applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione’ di cui al protocollo nazionale di regolamentazione delle misure per il contrasto della diffusione del virus COVID 19 negli ambienti di lavoro”.

"Un plauso a tutti i dipendenti regionali che lavorano nel silenzio"  

Infine, Cipiciani conclude con un eleogio ai dipendenti regionali, nel silenzio e con abnegazione. “Ho voluto fornire queste dettagliate precisazioni in quanto in questo particolare momento di emergenza sanitaria, sociale ed economica non servono inesattezze, ma il plauso di tutti per i tantissimi dipendenti regionali che continuano ad operare per la collettività e per il funzionamento della macchina amministrativa regionale, in silenzio e con grande abnegazione – conclude il direttore - , tra non pochi disagi d’ordine tecnico-logistico imposti dall’emergenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento