Caso 'Telfer', Melasecche infuriato: "Fango e insulti da finti generali"

L'assessore replica, senza citare nessuno, alle recenti accuse sullo smontaggio del manufatto di Papigno e in una lettera aperta scrive: "Le accuse di certi dipendenti comunali non mi preoccupano"

Dopo la denuncia del Centro Studi Malfatti sul caso Telfer, l'assessore ai Lavori pubblici Enrico Melasecche scrive una nota infuocata, ma non cita il 'Malfatti': "Solo accuse da finti generali e dipnendenti comunali".

Di seguito il testo integrale della nota:

"Ci risiamo, puntuali come certe bronchiti di stagione alcuni soggetti che vivono di  denunce e di volgarissime offese personali hanno ricominciato a reiterarne di altre, diffuse con copia e incolla da social e testate varie in un turbillon liquido in cui tutto ormai si confonde, verità, volgari menzogne, chiacchiere da bar con cui si alimenta un chiacchiericcio che serve per distrarre la città dai problemi reali che l’hanno prostrata e da cui con fatica, ma anche con risultati tangibili e soddisfazioni, per quanto parziali, considerati i soli nove mesi dal nostro insediamento, stiamo cercando di risollevare. Certo la tecnica è analoga a quella della calunnia, una denuncia, con tanto di comunicato stampa, un’altra tre giorni dopo, con altro comunicato stampa, ripresi entrambi da alcune testate, servono ad alzare il polverone, identico a quello del novembre scorso cui fece seguito una richiesta di documenti da parte del Comando Carabinieri cui è stato fornito ovviamente tutto, senza il minimo tentennamento e con immediatezza, senza che ne sia seguito alcunchè.

Ma, non paghi, gli stessi soggetti ricominciano nella non tanto segreta speranza che, reiterando le stesse identiche argomentazioni, alla fine qualche magistrato disponibile ad ascoltarli possano trovarlo. Una sorta di riffa sulla pelle della città pur di sfogare sogni repressi di facile misera gloria.

Sono da sempre convinto che quando si lavora onestamente e professionalmente per la res publica non si debbano temere ricatti, minacce, insulti da soggetti improbabili. Da ventisei anni vengo eletto continuativamente dai cittadini di Terni che ho sempre rappresentato “con disciplina  ed onore”, come recita l’art. 54 della Costituzione repubblicana, con risultati forti quanto indiscutibili, per cui l’ennesimo volgare attacco al Comune da parte di generali che utilizzano quel titolo pur non avendo mai fatto in vita loro i generali e che oggi presiedono improbabili centri studi o da qualche  impiegato del Comune abituato ad offendere in modo becero gli amministratori dell’ente pubblico da cui  percepiscono lo stipendio, non preoccupa molto il sottoscritto ma dispiace che certi soggetti gettino fango su chi in questa città  fa il proprio dovere con scienza e coscienza, che siano impiegati, tecnici, funzionari, dirigenti o assessori. Terni deve recuperare sotto questo aspetto un minimo senso di  responsabilità a tutti i livelli perché una cosa è esprimere liberamente la propria opinione, altro è ripetere cacofonicamente gli stessi argomenti conditi da epiteti che ricadono come boomerang proprio su coloro che li pronunciano.

È per questo che il sottoscritto, come tutta la giunta e come tutto il personale che ha lavorato alle fasi drammatiche in cui ci siamo trovati nel mettere in sicurezza la S.S. Valnerina  respingono in modo sdegnato questo modo di procedere indegno di una città civile.

Qualche nota di precisazione:

  • la vicenda è già stata sviscerata in novembre ampiamente in commissione e in consiglio comunale sulla base di una interrogazione presentata dal PD, lo stesso partito ha ospitato nella sua sezione di Collestatte, alla presenza di quattro gatti, gli stessi soggetti che continuano da anni su quel traliccio a dire le stesse cose, lo stesso partito un senatore del quale presentò anni fa una interrogazione al governo dell’epoca sullo stesso argomento;
  • quanto al valore di quel manufatto, su cui in questa sede non intendo entrare, vale forse la pena ricordare che il Dott. Scoppola, prestigioso Direttore Generale del MIBAC, all’epoca Direttore Regionale di quel Ministero, respinse la richiesta dei soliti noti di apporre il vincolo a quella passerella, presa poi in considerazione da un dirigente che anche sui mosaici non originali della Fontana dello Zodiaco ha imposto la costosissima musealizzazione senza però mai fornire un euro di finanziamento da parte di quel Ministero;
  • tutte le operazioni, dal giorno della chiamata in emergenza che ci fecero i Vigili del Fuoco, fino al momento della calata a terra sono avvenute con serietà, senso di responsabilita ed al massimo delle capacità dell’Ente, confrontatosi il Comune al proprio interno e con gli altri attori istituzionali, senza la minima prevaricazione ma con forte senso del dovere;
  • riunioni reiterate in Prefettura, alla presenza delle massime autorità dello Stato e degli altri Enti preposti come l’ANAS, la Provincia e la stessa Soprintendenza, si sono sempre svolte nella massima trasparenza e condivisione negli intenti, seguite in cantiere da un rappresentante legale della Soprintendenza che ha approvato dalla prima all’ultima delle decisioni prese e  concluse con la richiesta di accelerare al massimo l’operazione di salvaguardia della pubblica incolumità ed il ripristino del transito stradale sia per non continuare a bloccare i 10.000 abitanti della Valnerina sia per non inaridire il flusso di turisti alla Cascata;
  • l’operazione, per quanto riguarda gli aspetti logistici e politici, ha costituito un esempio di assoluta efficienza e rigore, sotto ogni punto di vista, pur nella estrema difficoltà delle operazioni poste in essere ed unanime è stato il ringraziamento e l’apprezzamento nei confronti del Comune di Terni;
  • i conci di ferro disintegrati da cinquant’anni di ruggine sono lì sul posto a dimostrare agli increduli come quell’operazione fosse quanto mai necessaria come risulta da plurime perizie di tecnici e dalle moltissime schegge rinvenute sul manufatto, una solo cadendo avrebbe potuto determinare la morte di una persona;
  • gli aspetti amministrativi sono avvenuti sempre rispettando la legge ed avendo la tutela della sicurezza di tutti come quella degli interessi della nostra comunità e dei bellissimi borghi della Valnerina come obiettivo assoluto;
  • forse proprio questi aspetti hanno sollecitato una certa desiderio di protagonismo che però ogni cittadino di buon senso può giudicare, tenuto conto che la sola messa in sicurezza di quel manufatto, dopo decenni di abbandono da parte delle precedenti amministrazioni, avrebbe comportato una spesa di circa 3.000.000 di euro impossibile da sopportare alla luce dei sacrifici imposti dal dissesto e soprattutto con ulteriori pesantissimi disagi a carico di chi quella strada deve percorrere, a cominciare dalla sicurezza e dai collegamenti con il nostro Ospedale;
  • quanto alla tutela dell’archeologia industriale non posso accettare lezioni da chi non ha di certo come il sottoscritto dato un contributo determinante per il salvataggio della Pressa, per il recupero delle ex Officine Bosco, della ex Siri, i cui lavori iniziarono sotto la giunta Ciaurro o, per l’acquisto della porzione della antica Fabbrica d’Armi perché possa ospitare il Museo delle Armi cui stiamo lavorando con altrettanta convinzione.

Pertanto è mio dovere umano, professionale e civile respingere con sdegno attacchi beceri da qualsiasi parte provengano, strumentali ad un disfattismo che si ammanta e che gioisce di qualche articolo di stampa pur di denigrare chi svolge con impegno il proprio compito con passione e convinzione. Una relazione e tecnica dettagliata, corredata di tutti gli allegati necessari, verrà predisposta ed inviata a chi di dovere, a comprova di ogni singolo dettaglio che ha riguardato quella operazione. Sarà la magistratura anche in questo caso a giudicare come in ben altri cinque casi di querele del tutto politicizzate che ho dovuto subire solo e soltanto per far trionfare a Terni la correttezza, la serietà e l’onestà, tutte ritirate o respinte dalla magistratura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spingere le procure  ad attivarsi a tutti i costi, proprio quando il tintinnio delle manette da Perugia suona in modo abbastanza sinistro, è come minimo di pessimo gusto ma come noto “de gustibus.........”. Ai cittadini invece che amano Terni, l’archeologia antica e quella industriale il giudizio umano e politico sui comportamenti di ognuno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento