rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Attualità

Carsulae, rinasce l’area archeologica: “Incremento di visitatori, inaugurazione dell’Anfiteatro e valorizzazione del sito”

La Direttrice dell’area archeologica Silvia Casciarri: “A breve avremo i primi riscontri per i biglietti combinati con le altre bellezze del territorio”

Un tesoro da valorizzare appieno. L’area archeologica di Carsulae è uno dei luoghi del cuore dell’intero territorio. Una vasta area che profuma di storia e cultura al cui interno è possibile ammirare una moltitudine di reperti. Domenica 28 agosto – ore 19.30 – si terrà un’iniziativa alquanto importante: l’inaugurazione dell’Anfiteatro romano con il taglio del nastro, alla presenza delle autorità. Una cerimonia aperta al pubblico che anticiperà il concerto di Angelo Branduardi ossia una performance andata sold-out, in termini di biglietti, da diverse settimane.

La ‘rinascita’ di Carsulae, dopo il periodo pandemico è anche nei dati: 971 accessi si sono registrati a giugno, 992 a luglio e 1467 dal 1 al 20 agosto, di questi 110 nella giornata di Ferragosto: “I numeri sono molto soddisfacenti – afferma alla nostra redazione di www.ternitoday.it la direttrice dell’area archeologica Silvia Casciarri – poiché abbiamo raggiunto i livelli antecedenti l’emergenza sanitaria e, in alcuni periodi, siamo andati anche meglio. Un lavoro di squadra che ha coinvolto Vivaticket, la direzione regionale ed il Comune. Solo nella giornata di Ferragosto abbiamo triplicato gli accessi”. Chi visita Carsulae: “Prevalentemente turisti con buon afflusso di stranieri. Per migliorare l’offerta stiamo aspettando i primi riscontri sui biglietti combinati. Stiamo ingranando, a tal proposito, dopo aver completato gli accordi di valorizzazione”.  

Un processo di perfezionamento che parte da lontano per rendere spendibile e appetibile il sito archeologico: “Negli ultimi anni abbiamo investito su restauri e scavi, andando ad ampliare gli spazi di visita. Uno step in più per la valorizzazione l’aumento dei percorsi di accessibilità, ampliando i tracciati che partono dalla biglietteria. Senza dimenticare gli eventi organizzati in sinergia con il Comune di Terni e quelli insieme a Suoni Controvento. A tal proposito con il concerto di Einaudi abbiamo davvero toccato l’apice”. Ulteriori aspetti da sottolineare: “I percorsi didattici e la capacità di saper attrarre diverse scuole del territorio regionale. Sono inoltre continuati gli scavi nella domus e, nel mese di settembre, sarà pronta la cartellonistica interna, in un progetto che ha coinvolto Astra e la Fondazione Carit. Il lavoro – afferma la direttrice – è proseguito anche a livello digitale con l’aggiornamento della App, oltre alla possibilità di visitare un magazzino destinato al ricovero dei materiali per renderlo fruibile ai visitatori”.

L’appuntamento di domenica coincidente con l’inaugurazione dell’Anfiteatro Romano: “L’area verrà aperta a tutti con il taglio del nastro. Successivamente, alle 20.30, lasceremo spazio agli ingressi per il concerto di Branduardi”. Pillole di storia: “L’edificio risale alla seconda metà del primo Secolo d.C. Ci abbiamo lavorato per oltre due anni dopo che, nel 2017, la Soprintendenza era intervenuta mediante un piccolo scavo nel settore occidente. Gli interventi sono stati molteplici: lo svuotamento dell’area, l’aver tirato fuori il piano originale e ritirato fuori il muro del podio. Senza dimenticare la pulizia delle gradinate ed il restauro. Tutto ciò è stato fatto – conclude Silvia Casciarri – per consentire all’Anfiteatro di essere visitabile, senza creare dei danni”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carsulae, rinasce l’area archeologica: “Incremento di visitatori, inaugurazione dell’Anfiteatro e valorizzazione del sito”

TerniToday è in caricamento