rotate-mobile
Attualità

“La storia osservata dal punto di vista dei fragili assume un volto differente da quello abituale”

La presentazione del libro ‘La forza dei fragili. Poveri ed esclusi nel Medioevo’ il prossimo mercoledì 29 maggio al Cenacolo San Marco

La storia osservata dal punto di vista dei fragili, assume un volto differente da quello abituale. Il lungo Medioevo occidentale è stato un tempo di violenza e discriminazione: il nemico, l’infedele, ma anche il disabile, il bambino, l’eretico e le donne hanno conosciuto forme di esclusione ed emarginazione sistematiche. Se ne parlerà durante la presentazione del nuovo libro di Marco Bartoli, pubblicato da Carocci editore, denominato ‘La forza dei fragili. Poveri ed esclusi nel Medioevo’ al Cenacolo San Marco, nel pomeriggio di mercoledì 29 maggio (a partire dalle 17).

A dialogare con l’autore, nel corso di un incontro che vede la presenza del vescovo di Francesco Soddu, saranno Lilia Sebastiani, responsabile di Istess Teologia, don Giuseppe Zen, direttore della Caritas di Terni e il teologo don Riccardo Beltrami.  Professore di Storia medievale all’Università Lumsa di Roma e di Storia del francescanesimo alla Pontificia Università Antonianum, Marco Bartoli è membro del Consiglio direttivo della Società Internazionale di Studi Francescani di Assisi e si interessa in particolare di storia dei fenomeni sociali e delle esperienze religiose nel tardo Medioevo.

Tra i suoi volumi: La nudità di Francesco. Riflessioni storiche sulla spogliazione del Povero di Assisi (Edizioni biblioteca francescana, 2018); Santa innocenza. I bambini nel Medioevo (Edizioni San Paolo, 2021); Chiara. Una donna tra silenzio e memoria (Edizioni San Paolo, 2022). Ha partecipato al focus francescano del Terni Film Festival nel 2020, 2021 e 2022 ed è stato protagonista del dittico sull’Incarnazione organizzato da Istess Teologia nel dicembre 2023 (Presepe di Greccio) e febbraio 2024 (Stimmate).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“La storia osservata dal punto di vista dei fragili assume un volto differente da quello abituale”

TerniToday è in caricamento