menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro da rivitalizzare, il comitato dei commercianti punta il dito contro il Comune: "Solo parole senza fatti". E' protesta

Mesi e mesi di incontri e riunioni, ma a oggi, dicono i commercianti del centro storico, solo parole a vuoto. "Siamo amareggiati". Sale la polemica: promesse disattese, a settembre protesta simbolica

Amarezza. Il Comitato dei Commercianti di “Terni al Centro” presieduto da Gianluca Munzi scrive una nota e parla di 'promesse disilluse', parole a cui non sono seguiti i fatti'. La questione è quella delle rcihieste avanzate da mesi da parte dei commercianti del centro storico al Comune con l'obiettivo di rivitalizzare città e dunque commercio. Riunioni, incontri, e buoni propositi, tra ztl sperimetale e aperta fino a eventi da promuovere. E invece? Tutto fermo. Tanto da far decidere al comitato Terni al centro di prendere carta e penna e scrivere una nota: "Con grande amarezza e dispiacere - si legge - il comitato è costretto a constatare che tutte le promesse fatte dall’attuale amministrazione sono state sistematicamente disattese. Negli incontri con l’assessore al commercio Fatale e l’assessore Giuli, erano state concordate, accolte e date per certe la conversione del parcheggio di Largo Cairoli in strisce blu a servizio del centro, 15 minuti di sosta gratis su tutte le strisce blu, apertura sperimentale della ZTL, tariffe dei parcheggi che premiassero la sosta breve per aumentare la rotazione dei posti auto, la partecipazione del Comitato ai tavoli di concertazione aventi per oggetto il centro città. Un’illusione durata pochi mesi che al dunque si è sciolta come ghiaccio al sole lasciando il posto ancora una volta all’ennesimo muro di no a cui i Commercianti del centro sono purtroppo abituati da decenni. Non si capisce il motivo per cui si tenti nuovamente di affossare il commercio in centro avallando in fretta e furia ampliamenti di metratura a centri commerciali e al contempo rifiutando poche e semplici richieste fatte dai commercianti. Altra cosa evidente è che non c’è un piano per il rilancio del commercio studiato con criterio ma solo una serie di proposte e idee poco concrete ed efficaci dettate dalla fantasia del momento, sintomo di indifferenza o peggio ancora di una non volontà di aiutare i commercianti. Abbiamo fatto una ricerca presso la Camera di Commercio di Terni ed è emerso che esistono 3.500 attività di vario genere con sede nel Centro; dottori, commercialisti, dentisti, idraulici, elettricisti, agenzie immobiliari, bar, ristoranti ….. un numero troppo piccolo per essere degno di nota? In tutto questo ci chiediamo cosa intendano fare coloro che dovrebbero tutelare i Commercianti, dalla Camera del Commercio alle Associazioni di categoria. C’è chi spera in un disgregamento di questo Comitato, tentando di fiaccarlo con false promesse o minimizzandone la consistenza numerica, ma non fa i conti probabilmente con l’istinto di sopravvivenza insito negli esseri umani perchè è della sopravvivenza di centinaia di dipendenti che parliamo, delle loro famiglie dei loro figli, dell’economia dell’indotto generato e degli effetti devastanti di una desertificazione a cui il centro città andrà incontro…. Vetrine spente quindi vie buie, diminuzione della sicurezza ,aumento di atti vandalici,furti e aggressioni, strade piu’ sporche, crollo degli affitti, deprezzamento del valore di case e negozi. Non accetteremo passivamente questo ennesimo atteggiamento, annunciando fin d’ora che a Settembre daremo vita ad una protesta simbolica e mediatica di forte impatto. Resta inalterata la nostra disponibilità al dialogo, purchè sia basato sul rispetto e sul riconoscimento del valore del lavoro che svolgiamo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento