rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità

Cascata delle Marmore, visite guidate delle scuole al top: “Studenti impressionati da tanta bellezza”. Oltre 21 mila paganti da inizio anno

Il direttore scientifico del Centro educazione ambientale Federico Botti: “Esperienza unica a contatto diretto con la natura dopo il periodo pandemico”

Una esperienza a contatto diretto con la natura. L’anno scolastico si è appena concluso e la cascata delle Marmore è tornata ad essere una meta ambitissima, per i singoli istituti. Secondo i dati forniti dal gestore sono stati oltre 21 mila i biglietti paganti emessi, pertanto di studenti non risiedenti nel territorio ternano con 5200 laboratori didattici acquistati. Dopo gli anni della pandemia che avevano interrotto il trend, a partire dal 2022 insegnanti ed alunni sono tornati a riscoprire i paesaggi meravigliosi che solo la cascata sa offrire.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it è intervenuto il direttore scientifico del Centro educazione ambientale Federico Botti: “La riprogettazione della didattica è stata tarata sulle esigenze delle scuole, mediante delle attività che riguardano le scienze della vita, le scienze della terra, arte e storia e ponderato il tutto su vari livelli scolastici, dall’infanzia al secondo grado. Dei laboratori è possibile fruire dell’orienteering, caccia al tesoro, laboratori di pittura dal vero, erbario, attività sul lago di Piediluco e speleologia oltre, naturalmente, le classiche visite guidate. È stato possibile stipulare una collaborazione con la ‘Casa delle farfalle’ curata da Antonio Festa e stretto una collaborazione con Rekordata per sviluppare future attività digitali con ipad nel parco, sempre a sfondo naturalistico. Infine per i bimbi più piccoli c’è lo Gnefro a garantire empatia e interazione”.

Una precisazione: “Le attività della rete composta dai quattro Centri di educazione ambientale del Comune di Terni sono ripartite dal centro più attivo, quello della Cascata, dopo i due anni contrassegnati dall’emergenza sanitaria. Tuttavia l’obiettivo è riprendere appieno con i restanti presenti nel territorio, trovando accordi con le altre realtà associative con la finalità di promuoverli”.

Alcune novità: “Sono state sistemate le aiuole del giardino attraverso nuove piantumazioni, creando anche la cartellonistica adeguata. Tengo a sottolineare che il tutto avviene in sinergia con il Comune di Terni, in particolar modo con il responsabile Federico Nannurelli, Mariangela Cavallo e la cooperativa Monte Meru che gestisce per conto di Vivaticket i Centri di educazione ambientale e i servizi correlati”. Le regioni che ‘amano’ in particolar modo la cascata: “Oltre all’Umbria gli studenti arrivano da Lazio, Marche, Toscana, Emilia Romagna. A scuola vengono trattate delle specifiche tematiche affini e pertanto trovano un ambiente incline per poterle sviluppare. I ragazzi sono generalmente molto emozionati, impressionati da cotanta bellezza. Un modo per fare didattica diversamente, a contatto diretto con la natura”.

Verso il prossimo Umbria Green Festival: “Proveremo a riproporre il format sulla scia del successo dello scorso anno. A tal proposito, in particolare, l’evento con Stefano Mancuso. Da parte nostra è davvero un piacere ospitare gli alunni poiché notiamo entusiasmo e partecipazione e tutto ciò è motivo di accrescimento anche a livello personale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascata delle Marmore, visite guidate delle scuole al top: “Studenti impressionati da tanta bellezza”. Oltre 21 mila paganti da inizio anno

TerniToday è in caricamento