Centro per l’impiego, apertura a rischio: “Affitto e bollette devono essere pagate dal Comune”

La riforma dell’Arpal prevede che le utenza siano a carico dei Comuni, la Provincia anticiperà le spese fino a fine mese dopo un’ulteriore proroga

L’ennesima proroga è arrivata allo scadere del 2019, ma ora è certo che la Provincia non potrà più anticipare i costi di affitto e utenze. Il “caso” del Centro per l’impiego inizia con l’avvertimento del presidente della Provincia di Terni, Giampiero Lattanzi, che evidenzia come gli uffici di via Annio Floriano siano stati aperto dal 2 gennaio solo a seguito di “una presa di responsabilità” da parte della Provincia stessa. Presa di responsabilità che ha riguardato il pagamento di affitto e bollette – per diverse decine di migliaia di euro - per un ulteriore mese, mentre la nuova normativa prevede che dal 2020 tali oneri siano presi in carico dai Comuni.
Nonostante le diverse richieste di incontri inviate a Comune, Regione ed Arpal, l’ultima delle quali circa un mese fa, nessuna risposta è arrivata in merito al necessario “passaggio di consegne”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Provincia: “Pagheremo solo fino a gennaio”

Per quanto ci riguarda – conclude il presidente -, proprio per non interrompere un pubblico servizio, di evidente importanza, come quello legato al lavoro, tema di strettissima attualità in tempi di crisi, abbiamo deciso di continuare il pagamento dei costi ma solo fino a fine gennaio, dopo di che saremo costretti ad interrompere e a demandare la questione agli enti che per legge ne sono competenti. “Per legge – spiega il presidente Lattanzi – i costi del Centro per l’impiego, oggi Arpal devono essere a carico dei Comuni dell’ambito di riferimento e non della Provincia. Il nostro ente, come noto, è stato privato, dalla legge Delrio, di questa funzione con il personale e le deleghe passate alla Regione Umbria. Come già stabilito dalla legge nazionale 28 febbraio 87, n.56, i costi delle strutture sono previsti a carico dei Comuni e gli stipendi a carico invece dell’agenzia regionale Arpal. Come Provincia - sottolinea il presidente - abbiamo continuato ad anticipare le spese fisse per il 2019 al fine di evitare l’interruzione delle prestazioni in base ad una convenzione con Arpal Umbria in virtù della quale l’ente regionale ci ristorna le spese sostenute. Ma questa dinamica finanziaria - osserva - è molto lenta e soprattutto non è in linea con la normativa, tenendo a che conto della situazione economica della Provincia di Terni. E’ tempo ormai che i Comuni e gli altri enti interessati facciano la loro parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento