rotate-mobile
Attualità

Cesi, ex convento Peticca, intervento da tre milioni di euro per una struttura multifunzione

Scuola di design, oleoteca regionale, nuove abitazioni e anche una Rsa ‘La casa dei nonni’ tra le varie attività all’interno del progetto di recupero

L’ex convento Peticca, per le sue dimensioni, per la sua storia e per la sua posizione all’interno del borgo, rappresenta un’infrastruttura determinante per il raggiungimento degli obiettivi del progetto Cesi2026. La struttura di proprietà comunale, oggi non più utilizzata, ha una superficie complessiva di oltre duemila metri quadrati. Per questo all’immobile che occupa la parte Est del paese, è stato dedicato un intervento molto complesso, da oltre tre milioni di euro. Mercoledì il progetto è stato illustrato alle associazioni e ai soggetti che saranno coinvolti, attraverso i patti di collaborazione, nell’utilizzo e nella gestione dell’immobile. 

Il recupero dell’intero convento permetterà così di destinarlo a varie attività: ne verranno ricavate nuove abitazioni, spazi per una scuola di design e le residenze artistiche per il progetto ‘design con vista’, con la previsione di spazi di cohousing e coworking e alloggi di varia metratura; vi sarà realizzata una Rsa,  ‘La casa dei nonni’ ovvero una residenza sociale per anziani che avrà come finalità il sostegno nell'espletamento delle funzioni della vita quotidiana nonché quello di favorire l’inclusione sociale e l’invecchiamento attivo per anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti, attraverso l’organizzazione di attività e laboratori, all’interno dei quali gli anziani potranno mettere a disposizione le proprie esperienze anche per salvaguardare l’identità del borgo. Inoltre vi sarà realizzata l’oleoteca regionale curata da Slow Food dove sarà possibile conoscere e degustare i migliori oli prodotti in Umbria e – nel giardino annesso – un arboreto, sempre a cura di Slow Food per far conoscere le piante tipiche dell’area, con particolare attenzione a quelle specie che sono in via d’estinzione.

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica è stato consegnato nelle scorse settimane a cura dello studio incaricato dal Comune di Terni e comprende  25 elaborati descrittivi e 38 grafici. L’intervento riguarda la ristrutturazione degli edifici in due diverse sezioni: la prima relativa all’ex asilo riguarderà solo interventi volti all’abbattimento delle barriere architettoniche mediante l’installazione di una piattaforma elevatrice interna con fermate nei rispettivi piani di riferimento. Per l’altra parte dell’immobile il progetto prevede una ristrutturazione complessiva per la riqualificazione ed il restauro anche con interventi strutturali e di rifacimento impianti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesi, ex convento Peticca, intervento da tre milioni di euro per una struttura multifunzione

TerniToday è in caricamento