La svolta elettrica in Umbria arriva con Colacem: consegnate le prime due Volkswagen ID.3

La riduzione delle emissioni e il contenimento della global footprint è da sempre uno degli obiettivi di Colacem e del Gruppo Financo in tutte le sue attività

foto consegna

All’insegna della sostenibilità e dell’attenzione all’ambiente l’azienda Colacem ha scelto il gruppo Volkswagen - nello specifico Autocentri Giustozzi - per portare la mobilità elettrica nelle sue flotte aziendali. Sono state consegnate mercoledì 14 ottobre, alla presenza della Direzione di Colacem e dei rappresentati di Autocentri Giustozzi due Volkswagen ID.3, tra le primissime consegnate in Italia. Un evento di particolare importanza sia per Colacem, da sempre orientata al mercato, all’innovazione tecnologica e alla sostenibilità che per Volkswagen la quale con ID.3 segna una vera e propria rivoluzione nel mercato delle automobili elettriche.

La nuova ID.3 nasce già in fase di progettazione come un’auto pensata esclusivamente per la propulsione elettrica, senza nessun compromesso dovuto alla coesistenza con un motore endotermico. Ciò che caratterizza la piattaforma MEB, su cui è realizzata, è soprattutto la sua capacità di sfruttare in modo ottimale tutte le possibilità offerte dalla tecnologia delle auto elettriche, lasciando il giusto spazio alle batterie e ai motori.  Si traduce in un rilevante valore aggiunto in termini di spaziosità, versatilità, autonomia, comfort e dinamismo, offrendo quindi una nuova dimensione della mobilità. Una vettura su cui Volkswagen punta molto, e lo si capisce già dal nome. Con ID.3, infatti, la casa tedesca ha voluto sottolineare una continuità con le due vetture più iconiche della sua storia. Prima il maggiolino, pietra miliare del gruppo, poi Golf, auto in grado di accompagnare più di una generazione. Con ID.3 si guarda al futuro, con la voglia di prendere in mano l’evoluzione tecnologica.

ID.3 la prima vettura del Gruppo VW a Zero impatto CO2

L’importante traguardo è stato raggiunto grazie a ingenti investimenti da parte del brand, nella riconversione degli impianti produttivi dedicati alla famiglia ID, nome con cui Volkswagen ha scelto di chiamare le sue vetture elettriche. Inoltre è stato certificato come “Prodotto a impatto Zero” (Carbon neutral product) dal TÜV Nord (Ente di Controllo Qualità̀ tedesco). Volkswagen concorre significativamente alla diminuzione delle emissioni di CO2 grazie all'uso di energia elettrica 100% green nelle Fabbriche coinvolte nell’intero processo produttivo, dall’approvvigionamento dei componenti, alle varie fasi produzione e della logistica, includendo anche la produzione delle batterie ad alto voltaggio.

Colacem: forte, sostenibile. Non solo uno slogan

La riduzione delle emissioni e il contenimento della global footprint è da sempre uno degli obiettivi di Colacem e del Gruppo Financo in tutte le sue attività. Colacem S.p.a. è una realtà industriale attiva nella produzione di cemento che fa capo al Gruppo Financo, holding interamente detenuta dalle famiglie Colaiacovo, con sede a Gubbio. La società è presente in Italia con 8 stabilimenti a ciclo completo, 2 impianti per la produzione di predosati, 4 terminal e 1 deposito. Da decenni ogni fase del processo produttivo e distributivo è improntata alla razionalizzazione delle risorse ed al risparmio energetico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento