Attualità

Colpite da ictus, sono state trattate con trombectomia meccanica al "Santa Maria"

Un doppio intervento di estrema complessità su due pazienti ottantenni, attraverso una tecnica innovativa coordinata dalla stroke unit e dal reparto di neuroradiologia interventistica

Un "mezzo miracolo", vista l'entità dell'intervento e l'età avanzata delle pazienti. Succede al "Santa Maria" di Terni nel quale due donne di 81 e 87 anni colpite da una grave e rara forma di ictus ischemico, una trombosi dell’arteria basilare acuta, sono state trattate con successo nei giorni scorsi dal team della Stroke Unit diretta da Carlo Colosimo e dal gruppo dei neuroradiologi interventisti guidati da Giovanni Passalacqua. In entrambi i casi, dopo una tempestiva valutazione neurologica avvenuta nel pronto soccorso, è stata eseguita una trombectomia meccanica in procedura d’urgenza.

Una tecnica innovativa

La trombosi della arteria basilare, che è uno dei tre principali vasi che portano sangue all’encefalo, è una grave urgenza neurologica che determina la morte nel 20% o una grave disabilità nel 60% dei casi. La tecnica innovativa della trombectomia meccanica, attraverso una sonda introdotta dall'arteria femorale, raggiunge e rimuove il trombo, consentendo la ripresa del flusso sanguigno. In tal modo migliora la prognosi e lo stato clinico del paziente, evitandogli, spesso, anche lunghi e faticosi percorsi di riabilitazione.

Effettuata la procedura “una paziente ha presentato una completa remissione dei segni e sintomi neurologici  ed è già stata dimessa – spiega il dottor Colosimo - e l'altra paziente, che è ancora ricoverata nel reparto ordinario di degenza, presenta solo minimi esiti neurologici“.

"Questi risultati - si legge in una nota del nosocomio ternano - sono l'esito dell'applicazione di un percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale (PDTA), attivo da alcuni anni presso l’ospedale di Terni e mai interrotto neppure durante la pandemia, che vede la collaborazione multidisciplinare di neurologi, medici dell’emergenza, neuroradiologi, radiologi interventisti, fisiatri, neurochirurghi e medici di laboratorio, con il supporto di tecnici ed infermieri, e che permette al paziente giunto in ospedale per un ictus ischemico di essere candidato al trattamento combinato di trombolisi endovenosa e trombectomia meccanica intra-arteriosa che è strettamente tempo-dipendente.

La trombolisi endovenosa è praticata dal neurologo in stroke unit o già in pronto soccorso, mentre la trombectomia meccanica viene effettuata in sala angiografica dall’equipe della radiologia interventista, attiva 24 ore su 24 con reperibilità notturna e festiva".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpite da ictus, sono state trattate con trombectomia meccanica al "Santa Maria"

TerniToday è in caricamento