Comune di Terni, ancora bordate delle minoranze all'amministrazione Latini: "Il leghista dal volto buono"

Non si placa l'onda di dissenso delle minoranze in consiglio comunale contro l'amministrazione Latini. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è il nodo sulla commemorazione della morte di Sergio Secci.

Ancora brucia, per le minoranze in consiglio comunale, la tiepidezza dell'amministrazione comunale sulla giornata della commemorazione della strage alla stazione di Bologna. In particolare, della figura di Sergio Secci, giovane ternano morto a seguito dell'esplosione dell'ordigno. O questo è almeno ciò che emerge da una nota congiunta a firma dei gruppi consiliari di centro sinistra. Ma dentro c'è molto di più: la summa della linea di governo a trazione leghista vista da sinistra.

"Evidentemente dopo due anni - inizia la nota - il sindaco di Terni ancora non ha intenzione di rappresentare la città nella sua interezza, ma tenta di nascondere l'inadeguatezza della sua amministrazione continuando a dividere la città e ad assumere atteggiamenti ideologici che offendono tanti ternani.

Il sindaco da due anni a questa parte imbarazza le nostre istituzioni con il suo ambiguo silenzio e con i suoi atteggiamenti politici equivoci getta ombra sulle nostre istituzioni. Sono sempre meno coloro che credono al racconto di un sindaco buono e mite, prigioniero dell'altrui estremismo. Se questa sfiducia si somma all'incapacità e all'assenza di coraggio della sua amministrazione, ben si comprende come sia finita la nostra città".

La lista delle accuse

È lunga la serie di "capi d'imputazione rivoli alla maggioranza: "Ironie sull'omofobia, inopportuni riferimenti alla tutela dei bambini per giustificare l'ingiustificabile, partecipazione a convegni che vogliono mettere fuori legge le religioni non cristiane, incontri fortuiti con chi vorrebbe riabilitare la Repubblica di Salò, assenze programmate alle celebrazioni per la liberazione di Terni e dei suoi eroi al valor civile, interventi equivoci alle celebrazioni per i bombardamenti angloamericani seguiti alla guerra fascista, patrocinio rivendicato e poi negato a formazioni di estrema destra, silenzio sullo sciacallaggio per la morte di due giovani ternani, interviste ambigue rilasciate a quotidiani nazionali sui centri sociali, multe a chi chiede l'elemosina e paventate sanzioni a chi è vittima dello sfruttamento della prostituzione, sono queste le uniche politiche del sindaco "leghista dal volto buono", del sindaco che si dice fieramente cristiano, che nel 2018 è stato eletto ma di cui i ternani non conoscono ancora alcuna idea, proposta o progetto che riguardi lo sviluppo della città e la risoluzione dei problemi occupazionali che la attanagliano".

Anche il vice sindaco Giuli sotto attacco

Sotto il mirino anche Andrea Giuli, vice sindaco e assessore alla cultura, colpito dopo alcune affermazioni rilasciate su Facebook sul "nodo Secci" interpretate come offensive "Non ci interessano le giustificazioni non richieste addotte dall'assessore Giuli sulle celebrazioni per Sergio Secci. Le prestazioni fuori orario a cui è costretto per difendere l'indifendibile e le proprie ambite deleghe cominciano a stancare la città. Lo invitiamo ad occuparsi delle cose che gli competono, che sono tante, a partire da un piano per il rilancio del turismo fino a quelle che riguardano la cultura. Il suo intervento in sostituzione del sindaco è inappropriato e rappresenta una toppa peggiore del buco. Risparmi le sue energie per le celebrazioni della liberazione di Terni e le altre commemorazioni della Resistenza dove da anni è costretto a sostituire il sindaco. Che definisca fuffa ideologica la richiesta di ricordare Sergio Secci e chieda discrezione per una strage fascista le cui inchieste sono state depistate è quantomeno imbarazzante. Questo tanto più alla luce delle doverose celebrazioni che ogni anno vengono fatte il 10 febbraio per le vittime delle foibe, con tanto di illuminazione del palazzo comunale."

Terni sotto scacco

Infine, una considerazione sullo stato attuale della città: "Sempre più abbandonata a sè stessa. Le sue maestranze non vedono la luce fuori dal tunnel e il sindaco della nostra città resta da due anni in silenzio, non ha formulato nessuna proposta per lo sviluppo economico di un territorio ricco di opportunità, grazie alla sua posizione, alla dorsale appenninica e ai suoi siti produttivi di interesse strategico per il territorio. Un sindaco silente e piegato verso il governo regionale, davanti al quale gli interessi di Terni vengono costantemente sacrificati, a partire dalla riorganizzazione dell'azienda ospedaliera e di quella sanitaria, fino al più vasto tema del riequilibrio territoriale. Tutto questo mentre la città si svuota sempre più di giovani, colpiti da una disoccupazione che raggiunge il 40%. Dove l' impoverimento e il disagio la fanno sempre più da padrone e colpiscono anche i ceti fino a poco tempo fa più agiati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento