menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto tratta da facebook

foto tratta da facebook

Comune di Terni, discarica a cielo aperto a Cesure: “Che cos’è che non abbiamo capito?”

“Mi Rifiuto” si interroga a seguito della segnalazione di un residente della zona: “Le foto gridano realmente vendetta”

“Che cos’è che non abbiamo capito?”. Un post esplicativo con allegate delle foto, è comparso sulla pagina facebook di “Mi Rifiuto”. L’attività del gruppo è sospesa dal 1 marzo, a causa dell’emergenza sanitaria in atto. Come è sottolineato all’interno: “Non vediamo l'ora di poter tornare nei quartieri per proseguire con le nostre iniziative di raccolta e sensibilizzazione perché, è evidente, che ce ne sia ancora molto bisogno”

La discarica dietro il mercatino di Cesure

“In un periodo di stress e confusione come questo, chiedersi cosa non abbiamo capito può sembrare anche una domanda banale – scrivono i volontari - Ma le foto che ci sono state inviate questa mattina da un residente di via Marie Curie, che mostrano la discarica formatasi nell'area posta immediatamente dietro il mercatino di Cesure, gridano realmente vendetta!

ASM, ogni venerdì mattina, colloca in quella via un cassone mobile (servizio momentaneamente sospeso a causa dell'emergenza sanitaria in atto) affinché gli abitanti del quartiere si possano recare in quel posto, senza dover andare presso i CCR (anche questi attualmente chiusi), per conferire sfalci, ingombranti e RAEE.

Puntualmente si assiste invece, da lungo tempo, al continuo abbandono di rifiuti da parte di chi, evidentemente, non ha ancora capito che il conferimento deve avvenire esclusivamente il venerdì mattina. E sembrano essere serviti a poco anche i due recenti controlli effettuati dalla polizia locale tramite foto trappole, con tanto di sanzioni, a far comprendere questo elementare concetto. Così come è evidente che il "rifiuto" più comune che troveremo in futuro sarà quello da Coronavirus: guanti in lattice e mascherine. Dunque le cose che, in realtà, non abbiamo capito sono molteplici.

Per la gravissima situazione di via Marie Curie abbiamo, naturalmente, informato la polizia locale e l'ASM per i provvedimenti di competenza ma anche per valutare una diversa collocazione del cassone mobile in quell'area. Ora più che mai è necessario ribadire che: Cambiare si può! Dipende da ognuno di noi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento