menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pd

Pd

Comune di Terni, sabato di 'fuoco': scontro aperto tra Leonardo Latini ed il Partito democratico

Il sindaco ha diramato una nota stampa poco prima della conferenza stampa del Pd a Palazzo Spada. Botta e risposta caldissimo

La notizia si è diffusa a pochi istanti dall’inizio della conferenza stampa organizzata a Palazzo Spada. Nessuno si aspettava una nota di Leonardo Latini, primo cittadino di Terni. A quel punto, una volta assimilato il comunicato, le reazioni in casa Pd non si sono fatte attendere in tutti i componenti presenti al dibattito. Andiamo con ordine pubblicando uno stralcio delle dichiarazioni del primo cittadino. “Il Partito Democratico e le sue varie articolazioni devono solo stare zitti e vergognarsi – dichiara Leonardo Latini. Vent’anni di disastri amministrativi, di caos e faide interne, parlano per loro. Hanno distrutto la città, creato milioni di debiti, gettato Terni nel dissesto economico con conseguenze pesantissime per i cittadini: tasse locali al massimo, tariffe aumentate, servizi limitati, macchina amministrativa disarticolata e inefficiente, una città allo sbando, umiliata e messa da parte dalle scelte oligarchiche delle varie correnti di partito. I vertici locali del Pd, invece di vergognarsi per quello che hanno fatto, invece di cercare di capire i loro errori, di scusarsi con i ternani, continuano a parlare, a convocare conferenze stampa” riferendosi a quella odierna ndr :”E incontri per polemizzare sul nulla, per lanciare fango, per creare confusione, con gli stessi metodi che hanno usato per anni all’interno del loro stesso partito, nelle loro lotte intestine per il potere, cercando di impedirci di ricostruire la città dalle macerie che hanno creato”. La risposta degli esponenti Pd è stata alquanto emblematica. In primo luogo Francesco Filipponi, capogruppo Pd che lo ha definito un :”Attacco vergognoso con atteggiamento che sfiora l'essere fascista”. In secondo luogo Leonardo Grimani, senatore e sindaco di San Gemini il quale ha espresso :”Profonda irritazione dalle parole espresse” sottolineando quanto segue :”Noi abbiamo diritto ad esprimere il diritto di opinione”. Inoltre ecco Paolo Silveri :”Sorpreso dall’atteggiamento di Latini intervenuto senza conoscere i contenuti della conferenza stampa”. Infine il segretario regionale Gianpiero Bocci che ha rimarcato come il primo cittadino abbia espresso:”Volgarità andando a mettere in crisi il governo della città con l’operato della sua amministrazione. Il sindaco invece di insultare il Pd si abitui alla dialettica democratica rivolgendosi alla città e non al Partito democratico”.Insomma un botta e risposta caldissimo in attesa di un'altra settimana che si annuncia piuttosto 'hot' 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento