Comune-Ternana Calcio, confronto sempre aperto: parla il sindaco

Latini: "Rapporti regolati da vecchia convenzione, ma stiamo discutendo su progetti"

Con la Ternana Calcio del presidente Bandecchi il rapporto è stato sempre improntato al confronto e alla collaborazione e credo che così continuerà anche nei prossimi anni". Lo dichiara il sindaco Leonardo Latini dopo le interviste rilasciate da Stefano Bandecchi relative ad alcuni conguagli del servizio idrico.
"I rapporti tra la Ternana e il Comune di Terni per l'utilizzo dello Stadio comunale Libero Liberati sono regolati da una convenzione sottoscritta tra le parti prima della nostra elezione, con la precedente amministrazione".
"In queste ultime settimane abbiamo ritenuto di sentire e vedere il presidente Bandecchi per ringraziarlo per quanto ha inteso fare a favore della città nella fase dell'emergenza e per il sostegno che continua a dare specie a chi più ne ha bisogno. Allo stesso tempo - come noto - abbiamo iniziato a parlare di un progetto più ampio per la vlorizzazione del Liberati. Le idee esposte sono state valutate interessanti da parte della nostra Amministrazione e abbiamo dato ampia disponibilità ad approfondirle".
"Chiaro è che la questione delle spese di manutenzione del campo e dell'impianto ad oggi fanno riferimento alla convenzione vigente, ma non abbiamo difficoltà a ridiscuterle anche nell'ambito di un nuovo progetto complessivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento