rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità

I numeri del bilancio consuntivo: Palazzo Spada torna in utile, le raccomandazioni dei revisori

Il consiglio comunale di Terni approva il rendiconto della gestione 2021 e la relazione del lavoro dell’amministrazione comunale

L’esercizio finanziario 2021 si chiude con un avanzo di amministrazione di 70.594,74 euro, dato che assume particolare rilievo se messo a confronto con l’andamento storico degli ultimi anni: -3.974.623,54 euro nel 2018, -2.937.872,17 euro nel 2019 e -1.921.281,33 euro nel 2020.

Il conto economico presentato dalla giunta Latini nel corso della seduta del consiglio di lunedì pomeriggio presenta un risultato di esercizio (dato dalla differenza tra il totale di proventi e ricavi e il totale di oneri e costi) positivo, pari a 4.535.006,27 euro contro i 1.875.600,33 euro del 2020, con un corrispondente aumento del patrimonio netto, che mostra una consistenza di 257.797.861,69 euro e un fondo di dotazione pari a 196.452.134,20 euro. Il consiglio ha deliberato di destinare i 4.535.006,27 euro di utile all’incremento delle “riserve risultati economici di esercizi precedenti”.

In merito al risultato economico conseguito nel 2021 si evidenzia che, da gestione operativa, il risultato positivo è di 20.795.997,37 euro mentre il risultato della gestione finanziaria è pari a -5.227.150,94 euro e il risultato della gestione straordinaria è di -9.590.773,48 euro. Quest’ultimo, dato dalla differenza tra proventi ed oneri straordinari passati, ha comunque mostrato un netto miglioramento rispetto al valore del 2020 che ammontava a -16.416,571 euro.

In generale si rileva, rispetto al 2020, un peggioramento del risultato di gestione, che ammonta a 2.556.045,29 euro, dovuto a maggiori accantonamenti per rischi e oneri. Risulta inoltre che al 31 dicembre dell’esercizio 2021 non sono stati segnalati debiti fuori bilancio o passività pregresse che possano pregiudicare gli equilibri di bilancio, che l’ente non ha effettuato nel 2021 operazioni di rinegoziazioni mutui, che non esistono casi di prestiti in sofferenza e che al 31. 12.2021 non ha contratti di locazione finanziaria e/o operazioni di partenariato pubblico privato.

Il collegio dei revisori dei conti, nell’esprimere giudizio positivo per l’approvazione del rendiconto e il lavoro svolto, ha formulato alcune proposte e raccomandazioni per una migliore gestione finanziaria. Tra queste “la riduzione dei tempi di verifica e controllo delle dichiarazioni e degli incassi dei tributi e delle entrate extratributarie, il costante aggiornamento e monitoraggio gestionale degli organismi partecipati dell’Ente e la ridefinizione delle riconciliazioni entro l’anno in corso, l’invito alle società partecipate che non hanno ancora adempiuto, a depositare le certificazioni dei crediti/debiti, il monitoraggio costante dei crediti e dello stato del contenzioso dell’Ente, l’invito a dare impulso alla vendita del patrimonio immobiliare inserito nel piano delle alienazioni e infine l’invito a persistere nell’azione di accantonamento delle risorse”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I numeri del bilancio consuntivo: Palazzo Spada torna in utile, le raccomandazioni dei revisori

TerniToday è in caricamento