Attualità Amelia

Lotta alla droga, la Comunità Incontro: “Serve più integrazione pubblico-privato”

Via alla due giorni organizzata dalla struttura di recupero di Amelia: “Occorre puntare su linee guida univoche”. In collegamento il ministro Dadone

Maggiore integrazione tra i servizi pubblici e privati, linee guida di intervento univoche, meno difficoltà legate ai budget a disposizione: partono da queste idee, in vista della revisione del testo unico sulla droga e della Conferenza nazionale programmata a fine novembre a Genova, le proposte che comunità terapeutiche ed esperti hanno avanzato in occasione della prima giornata del congresso “Integrazione&collaborazione: Il processo di presa in carico globale SerD e Comunità Terapeutiche”, promosso dalla Comunità Incontro Onlus di Amelia insieme a Sipad-Società italiana patologie da dipendenza.

Obiettivo della due giorni, che fino a sabato vede riunite le maggiori società scientifiche di ricerca nell'ambito delle patologie da dipendenza e le principali associazioni del privato accreditato, è quello di “ripensare ed adeguare l’intero sistema dei servizi e degli interventi che riguardano la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle patologie da dipendenza”.

“Diritto alla salute”, dunque alla scelta del tossicodipendente della comunità in cui curarsi, e “possibilità che le strutture accreditate e convenzionate possano certificare le tossicodipendenze” sono due temi sui quali si dovrà discutere all'appuntamento di Genova, secondo il responsabile della Comunità Incontro, Giampaolo Nicolasi. “Negli incontri, nei confronti e nello scambio di idee con le altre strutture il problema che viene riscontrato maggiormente è l’assenza dello Stato e delle istituzioni. Abbiamo percorso tutte le strade d'Italia e l'integrazione e la collaborazione l'abbiamo avuta tra persone. Perché - si è chiesto - i nostri specialisti non possono certificare lo stato di dipendenza di una persona? Perché, inoltre, un ragazzo non può curarsi fuori dalla propria regione?”.

Per Claudio Leonardi, presidente della Sipad, è “assolutamente necessario che gli interventi nel campo delle tossicodipendenze siano basati, sia nel processo diagnostico che terapeutico, su evidenze scientifiche”. Dunque la revisione della legge 309/90 “deve permettere di raggiungere unitarietà sulle linee guida”. Inoltre per Leonardi “tutti i servizi delle dipendenze dovrebbero essere organizzati all'interno di dipartimenti delle dipendenze, all'interno dei quali i soggetti che intervengono contribuiscano con il know how che hanno”. Al convegno di oggi ha portato il suo saluto, in un videomessaggio, anche la ministra alle Politiche giovanili, Fabiana Dadone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla droga, la Comunità Incontro: “Serve più integrazione pubblico-privato”

TerniToday è in caricamento