rotate-mobile
Attualità

Post pandemia e nuovo piano sanitario, Coletto svela le nuove linee guida

L’assessore regionale al convegno organizzato dalla Cisl Medici Umbria: “Depenalizzare l'atto medico”

La riforma sanitaria post pandemia al centro del convegno della Cisl Medici Umbria che si è tenuto all'ospedale di Perugia ed è stato organizzato insieme alla Simedet alla presenza di numerosi dirigenti medici. Presente anche l'assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, che ha illustrato il nuovo Piano Sanitario Regionale e ribadito l'importanza del Servizio Sanitario Nazionale.

L'assessore Coletto ha espresso il suo apprezzamento e ringraziamento per il lavoro svolto in questi anni da tutto il personale sanitario in prima linea durante la battaglia contro la pandemia Covid, ma ha anche parlato del futuro PSR approvato dalla giunta regionale che permetterà un'ottimizzazione delle risorse e un miglioramento dei servizi territoriali, in stretta sinergia con gli ospedali d'emergenza. Un piano in fase di partecipazione istituzionale consiliare regionale, che coinvolgerà partiti, sindacati e associazioni, fino all'approvazione come legge regionale. Inoltre, l'assessore Coletto ha ribadito la necessità di depenalizzazione dell'atto medico. La medicina difensiva in Italia ha infatti un costo di 10 miliardi all'anno, risorse che potrebbero così essere risparmiate.

"È stata una giornata dedicata all'approfondimento del Servizio Sanitario Umbro, con un confronto diretto tra le istituzioni rappresentate dall'assessore e i professionisti sanitari presenti in sala. Un proficuo scambio di idee e un confronto propositivo e costruttivo che continuerà nei tavoli regionali in ambito dell'emergenza-urgenza" spiega il responsabile scientifico dell'evento, dottor Manuel Monti.

Coordinati dalla dottoressa Nabila Said e dal dottor Fernando Capuano, presidente nazionale Simedet, sono intervenuti il professor Giuseppe Pasquale Macrì, direttore U.O.C. Medicina Legale USL8 – Arezzo per quanto riguarda la responsabilità dei professionisti, il rapporto con i pazienti e i familiari, il ruolo e la condizione del medico; il dottor Giuseppe Giordano ha parlato dell'integrazione territorio-ospedale, delle criticità dei Pronto Soccorso e sulla crisi dell'attuale figura giuridica del medico ospedaliero in quanto dipendente; il dottor David Giannandrea che ha parlato del futuro della telemedicina in tutte le sue articolazioni ed integrazioni come punto fondamentale del nuovo Servizio Sanitario Regionale; il dottor Sokol Berisha che ha parlato dell'importanza della medicina d'urgenza durante il periodo della pandemia, evidenziando le difficoltà emerse in questi anni ma soprattutto la capacità di resilienza del Sistema.

L'apertura introduttiva e la chiusura del convegno, preceduta da numerose domande da parte del pubblico presente, è stata affidata al dottor Tullo Ostilio Moschini, Segretario Generale Federazione Cisl Medici Veterinari Dirigenti Sanitari Umbria che ha ribadito la necessità sia di programmare adeguatamente nel tempo che valorizzare e gratificare il personale, di promuovere proposte rispetto alle reti dei servizi e delle patologie quale contenuti del PSR e dei conseguenti atti aziendali, di difendere e migliorare il Servizio Sanitario Nazionale e Regionale integrato e non sostituito dal privato, di renderlo equo e quindi solidale ma efficiente, sostenuto da adeguate risorse destinate dal governo al Fondo Sanitario Nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Post pandemia e nuovo piano sanitario, Coletto svela le nuove linee guida

TerniToday è in caricamento