Coronavirus, arrivano a Terni le postazioni dell'Esercito per i tamponi "drive-through"

Si chiama "Operazione Igea" ed è stata attivata dai ministeri della Difesa e Salute. Anche a Terni arrivano le postazioni dell'Esercito per effettuare i tamponi.

È iniziata a Terni il 2 novembre l' "Operazione Igea", nata dalla collaborazione dei ministeri della Difesa e della Salute. 

Per volere del ministro Guerini (Difesa), in tutta Italia sono stati messi a disposizione dei cittadini i "drive through", strutture mobili per incrementare quotidianamente l’effettuazione dei tamponi.

A Terni, le postazioni sono state installate nei pressi della sede Asl di via Bramante. Il team messo a disposizione è composto  da un medico, 2 infermieri, e da militari del Secondo Battaglione Granatieri “Cengio” di Spoleto che monitorano le operazioni di screening attraverso il tampone naso-faingeo.

"Ancora una volta - si legge nella nota dei militari - l’Esercito italiano è sceso in campo, per compiere una nuova missione: aiutare e collaborare con il sistema sanitario al fine di fronteggiare il nuovo nemico comune, il Covid-19. Con questo importante contributo da parte del ministero della difesa, l’Esercito e tutte le forze dell’ordine adempiranno, ancora una volta, i loro doveri di difesa della patria e della salvaguardia della collettività nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento