Neo-medici per far fronte all'emergenza Coronavirus, via libera all'assunzione degli specializzandi  

Stamattina il rettore Oliviero e la presidente Tesei hanno siglato un accordo per l’assunzione immediata di chi sta completando il proprio percorso

Specializzandi subito assunti per far fronte all’emergenza Coronavirus. Come evidenziato in più occasioni, anche nell’intervista di Ternitoday al delegato del Polo scientifico didattico di Terni Stefano Brancorsini, infatti, è evidente come il fabbisogno di medici e infermieri vada, in questo momento, al di là di ogni programmazione ed esperienza pregressa.
La questione relativa all’assunzione di neo-medici e neo-infermieri, per sostenere le professionalità attualmente impiegate e costrette, a causa dell’emergenza, a turni massacranti.

L'accordo

Una risposta è arrivata questa mattina grazie alla sottoscrizione di un accordo tra Regione e Università degli Studi di Perugia che prevede l’immediata assunzione straordinaria di medici specializzandi.
L’accordo – come si legge nella nota diffusa dalla Regione - è volto a rendere disponibile, nel più breve tempo possibile, alle strutture del Sistema Sanitario regionale nuovo personale medico, avvalendosi delle procedure di reclutamento in deroga previste dal D.L. 9/3/2020.

Gli specializzandi, per la durata del rapporto di lavoro a tempo determinato e fino al perdurare dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri in data 31 gennaio 2020, resteranno iscritti alla scuola di specializzazione universitaria, svolgendo attività assistenziali coerenti con il livello di competenze raggiunto e affiancando, alle 32 ore settimanali di attività assistenziale previste, circa 6 ore settimanali di attività formativa teorica.

Il Rettore inoltre, nell’accordo, si è impegnato a nome dell’Ateneo a riconoscere le attività formative pratiche svolte dagli specializzandi quale parte integrante e sostanziale dell’intero ciclo di studi ai fini del conseguimento del diploma di specializzazione. Il periodo complessivo di studi dei neo-assunti medici, in questo modo, non subirà alcun prolungamento.

Il Rettore: “Tuteliamo il diritto alla salute”

“Si tratta di un ulteriore provvedimento mediante il quale l’Ateneo mette a disposizione tutte le sue migliori risorse” – ha dichiarato il Rettore Oliviero – “e, grazie all’ulteriore consolidamento del già ottimo spirito di collaborazione con la Regione Umbria, si impegna a fare responsabilmente la sua parte per la tutela del diritto supremo di tutti alla salute. In questa occasione, desidero rivolgere un particolare e sentito ringraziamento ai medici, agli infermieri e a tutto il personale impegnato in prima linea nella strenua lotta all’emergenza. A loro va la gratitudine dell’intera comunità accademica.”

“Le due istituzioni stanno conducendo insieme un proficuo lavoro – afferma la presidente Tesei - Questo provvedimento ha come fine ultimo la tutela della salute comunitaria. Un sincero ringraziamento va al personale medico, paramedico e sanitario per l’enorme impegno profuso e per lo sforzo in questa battaglia comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento