Attualità

Coronavirus, le chiese ternane riaprono ai fedeli: ecco come. Cartelli segnaletici e volontari agli accessi

Da lunedì 18 maggio tornano le celebrazioni eucaristiche. Le indicazioni per mantenere le distanze di sicurezza ed evitare la diffusione del contagio

Ripartire in sicurezza. La diocesi di Terni-Narni-Amelia ha fornito un vademecum per evitare la diffusione del contagio da Coronavirus. Come è noto da lunedì 18 maggio sarà possibile celebrare le messe e contestualmente avere la collaborazione dei fedeli.

Le cerimonie eucaristiche

“Segui le indicazioni segnaletiche e quelle che ti forniranno i responsabili e volontari” è scritto in un cartello appositamente redatto per guidare i presenti alla cerimonia. Il primo importante divieto riguarda coloro i quali hanno sintomi influenzali, respiratori, temperatura corporea superiore ai 37,5 gradi o è stato in contatto con persone positive al Coronavirus nei giorni precedenti. Altro elemento preponderante è quello di tenere sempre le mascherine in modo tale da coprire sia il naso che  la bocca.

Distanziamento sociale obbligatorio di un metro ed occupazione dei posti a sedere indicati. Infine per ciò che concerne la comunione: “ricevila sulla mano, evita il contatto con il ministro e mantieni le distanze di 1,5 metri dalla fila”. Insomma inviti alla responsabilità ed al senso civico di tutti.  

LE FOTO DEI CARTELLI SEGNALETICI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, le chiese ternane riaprono ai fedeli: ecco come. Cartelli segnaletici e volontari agli accessi

TerniToday è in caricamento